spot_img

Considerazioni sul giornalismo in Cina e lo scontro sui visti


Sembra di essere tornati a prima del 2008, quando le Olimpiadi non avevano ancora modificato – seppure leggermente – la percezione dei giornalisti stranieri da parte del governo cinese. C'era da celebrare la Cina, con attenzione, ma era pur sempre una celebrazione. Ora due grandi testate, New York Times e l'agenzia Bloomberg, rischiano di non veder rinnovati i visti da giornalisti ai propri dipendenti. C'è di mezzo qualche reportage sgradito e una concezione del giornalismo che non combacia con quella occidentale. E tanti soldi.

Sembra di essere tornati a prima del 2008, quando le Olimpiadi non avevano ancora modificato – seppure leggermente – la percezione dei giornalisti stranieri da parte del governo cinese. C’era da celebrare la Cina, con attenzione, ma era pur sempre una celebrazione. Ora due grandi testate, New York Times e l’agenzia Bloomberg, rischiano di non veder rinnovati i visti da giornalisti ai propri dipendenti. C’è di mezzo qualche reportage sgradito e una concezione del giornalismo che non combacia con quella occidentale. E tanti soldi.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

A cosa si deve il successo ventennale di Orbán?

Il Ministro degli Esteri cinese in tour nel Pacifico

Un futuro (in)sostenibile per la Germania