EN

eastwest challenge banner leaderboard

Contadino si suicida in diretta tv durante un comizio

Indietro

Mercoledì pomeriggio un evento tragico e inatteso ha  attirato più riflettori di quanti già ce ne fossero dalle parti dell’Aam Aadmi Party (Aap). Durante un comizio a Jantar Mantar, luogo simbolo delle proteste a New Delhi e salotto prediletto per le dimostrazioni di forza di Aap, un contadino proveniente dal Rajasthan si è impiccato in segno di estrema protesta verso le istituzioni, ree di aver abbandonato i contadini al proprio – amaro – destino. E si è tornato a parlare di morti nelle campagne, ogni anno a decine di migliaia.

 

La dinamica dell’incidente non è chiarissima. Quello che si sa è che Aap aveva chiamato a raccolta i propri sostenitori per aumentare la pressione contro il governo del Bjp, che sta cercando di far passare il controverso Land Acquisition Bill (del quale avevamo parlato già qui) alla Rajya Sabha, la camera alta del parlamento indiano, dove è in minoranza.

 

A un certo punto Gajendra Singh (41 anni) si è arrampicato su un albero – cosa abbastanza comune nei comizi, a dire il vero – minacciando di impiccarsi. Apparentemente una sceneggiata, alla quale probabilmente nessuno aveva dato molto peso, le intenzioni di Singh si sono rivelate più determinate del previsto, quando l’uomo ha fatto un nodo alla sua sciarpa e si è lasciato cadere nel vuoto. Le autorità ne hanno constatato il decesso in ospedale, mentre la storia faceva già il giro delle televisioni nazionali, molte delle quali presenti a documentare quello che doveva essere semplicemente l’ennesimo comizio di Aap.

 

Dal palco si sono accorti della tragedia troppo tardi, impreparati, decidendo su due piedi di continuare il comizio: scelta che si è subito ritorta contro Arvind Kejriwal, criticato dal Bjp per un preoccupante deficit di delicatezza e umanità. Il chief minister di New Delhi si è scusato il giorno dopo in tv, ma ormai la frittata era fatta.

 

La morte di Gajendra Singh si aggiunge alle migliaia di suicidi che ogni anno si verificano nelle aree rurali del paese (dove risiede oltre il 70 per cento della popolazione indiana). Si tratta di contadini disperati per un raccolto andato a male e, spesso, intrappolati nella morsa dell’usura (un po’ di cose su questo tema le avevo scritte l’anno scorso, qui), che ora si trovano di fronte al rischio del passaggio di una legge pensata per agevolare la compravendita di terreni in India da parte di imprese e enti statali, parte dello sforzo per attirare investitori stranieri e procedere verso la “modernizzazione” del paese pensata da Narendra Modi. E proprio in questo periodo, con i monsoni in arrivo che si presumono meno vigorosi del solito, il tema contadini è ritornato alla ribalta. Declinato, purtroppo, ad arma contundente per colpire l’avversario politico.

 

Giovedì, infatti, la polemica è impazzata sulle responsabilità del suicidio di Gajendra Singh, col Bjp che ha accusato i membri di Aap di aver incitato il contadino a togliersi la vita al posto di dissuaderlo, oltre ad aver ostruito il passaggio dei mezzi della polizia di Delhi che tentavano di raggiungere il contadino del Rajasthan. Parole di Rajnath Singh, ministro degli Interni, fedelissimo di Narendra Modi e, incidentalmente, anche responsabile diretto dell’operato della polizia di New Delhi (che , a differenza delle altre polizie cittadine, è controllata direttamente dal Ministero degli Interni del governo federale).

 

Aap ha rimandato le accuse al mittente, sostenendo che i video girati dalle stazioni tv presenti a Jantar Mantar mostrano chiaramente come i manifestanti abbiano tentato di fermare il suicida.

 

Ad aggiungere polemica alla polemica, la stampa indiana è andata a fare le pulci a Gajendra Singh: secondo Indian Expressripreso da BbcGajendra Singh non se la passava così male come ha dato a credere. Possedeva 10 acri di terreno (molti più della media dei contadini indiani), proveniva da una famiglia che “stava bene” e aveva provato a farsi eleggere un paio di volte, senza successo.

 

Che la morte (alcuni dicono addirittura accidentale) di Gajendra Singh sarà un fattore determinante per cambiare in extremis il disegno di legge sulla compravendita di terreni, è tutto da vedere.

@majunteo

La voce
dei Lettori

eastwest risponderà ogni settimana ai commenti sui social e alle domande inviate dai lettori. Potete far pervenire la vostra domanda usando il tasto qui sotto. Per essere pubblicati, i contributi devono essere firmati con nome, cognome e città Invia la tua domanda ad eastwest

GUALA