spot_img

Copti egiziani: altro che minoranza


In Egitto l'ennesimo attentato ai cristiani copti riaccende l'interesse per una minoranza religiosa di cui si sa poco in Occidente.  Il nome "copto" deriva dal greco classico aigyptyos esignifica abitante dell'Antico Egitto. Su questa base etimologica i copti si considera no orgogliosamente discendenti diretti dei faraoni. Al di là delle convinzioni ideologiche, la Chiesa copto-ortodossa è “autocefala”per autorità e gerarchia del suo clero. Al Cairo risiede il suo pontefice, papa Shenouda III, vescovo di Alessandria e patriarca della predicazione di san Marco e
di tutta l’Africa.

In Egitto l’ennesimo attentato ai cristiani copti riaccende l’interesse per una minoranza religiosa di cui si sa poco in Occidente.  Il nome “copto” deriva dal greco classico aigyptyos esignifica abitante dell’Antico Egitto. Su questa base etimologica i copti si considera no orgogliosamente discendenti diretti dei faraoni. Al di là delle convinzioni ideologiche, la Chiesa copto-ortodossa è “autocefala”per autorità e gerarchia del suo clero. Al Cairo risiede il suo pontefice, papa Shenouda III, vescovo di Alessandria e patriarca della predicazione di san Marco e
di tutta l’Africa.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img