spot_img

Corea: dentro il mito del Caro Leader


Agli occhi di 23 milioni di coreani Kim Jong-il è un eroe, una guida assoluta, infallibile e profondamente razzista. Lo era Kim Il-sung prima di lui e dovrà esserlo ora Kim Jong-un. Il problema che per tanto tempo ha afflitto la dirigenza di Pyongyang era proprio trasformare in pochi mesi, a causa delle pessime condizioni di salute del padre, Kim Jong-un in un eroe. Preparando la successione in tempi più rapidi del previsto, costi quel che costi, visto che la posta in gioco è la sopravvivenza stessa del regime.

Agli occhi di 23 milioni di coreani Kim Jong-il è un eroe, una guida assoluta, infallibile e profondamente razzista. Lo era Kim Il-sung prima di lui e dovrà esserlo ora Kim Jong-un. Il problema che per tanto tempo ha afflitto la dirigenza di Pyongyang era proprio trasformare in pochi mesi, a causa delle pessime condizioni di salute del padre, Kim Jong-un in un eroe. Preparando la successione in tempi più rapidi del previsto, costi quel che costi, visto che la posta in gioco è la sopravvivenza stessa del regime.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

A cosa si deve il successo ventennale di Orbán?

Il Ministro degli Esteri cinese in tour nel Pacifico

Un futuro (in)sostenibile per la Germania

La Nato senza ragione