EN

eastwest challenge banner leaderboard

LA TV DI EASTWEST

Speciale coronavirus da Cuba

Indietro

Coronavirus: a Cuba c’è un sistema sanitario modello.  Al momento i medici cubani operano in 31 Paesi del mondo. Ce ne parla in una video-intervista Alfredo Somoza, giornalista e scrittore che vive tra l’Italia e l’America Latina

 

In pieno picco dell’epidemia da Covid-19 sono sbarcati a Crema, in Lombardia, il 22 marzo scorso 35 medici e 17 infermieri inviati da Cuba per aiutare la gestione dell’emergenza.

Non deve sorprendere troppo perché l’impegno internazionalista cubano in campo sanitario ha radici che risalgono alla rivoluzione del 1959 e a uno dei suoi protagonisti, il medico rivoluzionario Ernesto Che Guevara.

Il sistema sanitario cubano è unico in tutto il continente americano: ad esempio, ogni cittadino ha un medico di base, vero, non burocratico, e in casi di emergenza è organizzata una rete capillare di paramedici che fornisce assistenza a domicilio. Il sistema non è basato sull’ospedalizzazione, come per esempio in Italia. Si ricorre all’ospedale solo in casi gravi, non curabili a domicilio.

Inoltre, il sistema della Protezione Civile è specializzato e allenato nella risposta all’emergenza che, nei Paesi caraibici, è prevedibile e ciclica. Ma lo stesso uragano che nell’isola di Haiti (85 Km di distanza da Cuba) uccide migliaia di persone, a Cuba provoca poche vittime.

La sanità cubana: un modello unico

Nel 2005 fu creata a Cuba la Brigada Medica Reeve, un contingente internazionale di medici specializzati in situazione di catastrofe e gravi epidemie. Questo esercito di medici e paramedici conta oggi migliaia di professionisti specializzati che sono operativi attualmente in 31 Paesi del mondo, anche in risposta al coronavirus. Si tratta di interventi di solidarietà, per esempio a Haiti, oppure a pagamento o in cambio di materie prime, per esempio di petrolio nel caso del Venezuela.

A causa dell’embargo Usa, Cuba ha anche sviluppato un’industria farmaceutica di avanguardia e oggi è in grado di fornire anche farmaci oltre all’assistenza medica. Cuba è un Paese molto povero ma la sanità pubblica, per tutti i cittadini di qualsiasi reddito, è sempre stata una priorità: l’11% del Pil viene investito per la sanità. In Italia, per esempio, la sanità impegna l’8,8% del Pil.

L’epidemia di Covid-19 conta a Cuba 400 casi positivi, al momento (8 aprile), e 11 vittime. Le misure prese dal Governo sono in stile ‘coreano’: si organizzano i test rapidi in modo sistematico per individuare e isolare potenziali focolai. Sono stati chiusi porti e aeroporti ma non è stato imposto il blocco totale.

Guarda il reportage sull’America Latina.

Guarda l’intervista sulla Polonia.

La voce
dei Lettori

eastwest risponderà ogni settimana ai commenti sui social e alle domande inviate dai lettori. Potete far pervenire la vostra domanda usando il tasto qui sotto. Per essere pubblicati, i contributi devono essere firmati con nome, cognome e città Invia la tua domanda ad eastwest

GUALA