spot_img

Cosa c’è dietro gli arresti degli attivisti di Greenpeace?


Sono pirati, secondo le autorità russe che li hanno arrestati e sequestrato la loro nave. Una trentina degli attivisti che hanno cercato senza successo di salire a bordo della piattaforma petrolifera Prirazlomnaja, di proprietà di Gazprom, nel Mar di Pechora – da qualche parte a largo delle coste russe nel Mar Glaciale Artico – sono ora in stato di arresto, mentre la loro rompighiaccio Arctic Sunrise, battente bandiera olandese, è stata rimorchiata nel porto di Murmansk, nel nord della Russia. Tra di loro c’è anche un italiano, il napoletano Cristian D’Alessandro, che sembra l’unica ragione per cui i nostri mezzi d’informazione abbiano riportato l’accaduto.

Sono pirati, secondo le autorità russe che li hanno arrestati e sequestrato la loro nave. Una trentina degli attivisti che hanno cercato senza successo di salire a bordo della piattaforma petrolifera Prirazlomnaja, di proprietà di Gazprom, nel Mar di Pechora – da qualche parte a largo delle coste russe nel Mar Glaciale Artico – sono ora in stato di arresto, mentre la loro rompighiaccio Arctic Sunrise, battente bandiera olandese, è stata rimorchiata nel porto di Murmansk, nel nord della Russia. Tra di loro c’è anche un italiano, il napoletano Cristian D’Alessandro, che sembra l’unica ragione per cui i nostri mezzi d’informazione abbiano riportato l’accaduto.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

La Nato senza ragione

Gli Stati Uniti tornano a parlare di UFO

L’Europa federale