Cosa comprano i cinesi in Europa (parliamo di banche e palazzi)


Nel 2014 il totale degli investimenti da parte delle imprese cinesi rivolte a gruppi finanziari europei è salito a 3,96 miliardi di dollari dai 304 milioni dollari nel 2013 (dati Dealogic). Analogamente, gli investimenti immobiliari cinesi all'estero sono cresciuti di 25 volte per un valore di 15 miliardi di dollari nel periodo 2009-2014. Spagna, Portogallo, Grecia, Italia. Pechino investe nei paesi più colpiti dalla crisi in Europa. E lo fa in due modi: in «punta di piedi» nel mondo della finanza e in modo più netto nel settore immobiliare. Un segnale del cambiamento di rotta cinese all'estero e una vicinanza sempre più stretta con paesi, vedi la Grecia, che potrebbero avere presto bisogno di un «ombrello finanziario».

Nel 2014 il totale degli investimenti da parte delle imprese cinesi rivolte a gruppi finanziari europei è salito a 3,96 miliardi di dollari dai 304 milioni dollari nel 2013 (dati Dealogic). Analogamente, gli investimenti immobiliari cinesi all’estero sono cresciuti di 25 volte per un valore di 15 miliardi di dollari nel periodo 2009-2014. Spagna, Portogallo, Grecia, Italia. Pechino investe nei paesi più colpiti dalla crisi in Europa. E lo fa in due modi: in «punta di piedi» nel mondo della finanza e in modo più netto nel settore immobiliare. Un segnale del cambiamento di rotta cinese all’estero e una vicinanza sempre più stretta con paesi, vedi la Grecia, che potrebbero avere presto bisogno di un «ombrello finanziario».

Finanza
Diversificare e approfittare dei prezzi bassi. Sembra essere questa la bussola cinese, nel mondo finanziario del Vecchio continente.

Si è partiti dal Portogallo: «il conglomerato cinese Fosun International Ltd. ancora una volta – ha scritto il Wall Street Journal – ha espresso interesse nel Novo Banco del Portogallo, fondato dopo il crollo del Banco Espírito Santo SA, mentre gli assicuratori cinesi hanno chiesto informazioni in Italia circa la vendita del Monte dei Paschi di Siena SpA, secondo persone che sarebbero vicine alla trattativa. Entrambi gli accordi potrebbero essere operazioni di molti miliardi di dollari».

Come ha specificato al quotidiano finanziario Jim O’Neil, capo del gruppo di istituzioni finanziarie globali della Bank of America Merrill-Lynch, «Le istituzioni finanziarie cinesi stanno valutando attentamente le loro opportunità in Europa. Sono consapevolmente entrati nel mercato prima di approfittare delle grandi opportunità e scappare».

Ci sono poi acquisizioni in Olanda, Belgio, Gran Bretagna, a compiere una sorta di ciclo: da un lato le banche europee, specie quelle dell’Europa mediterranea, sono alla ricerca di nuovi capitali, dall’altro il governo di Pechino ha chiaramente indicato alle proprie aziende di uscire dal territorio nazionale e investire all’estero.

Il mattone

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img