spot_img

Cose dell’altro mondo


ALL’EROS-FIERA DELL’EST
Il Paese più popoloso al mondo dovrebbe essere anche il più sessualmente attivo, il che non significa che in Cina il sesso non rappresenti un tabù: si fa, ma non se ne parla. L’educazione sessuale inesistente nelle scuole, il numero vertiginoso di aborti causati dalla scarsa informazione (10 milioni l’anno), le pubblicità di preservativi vietate, ancora oggi il sesso per i cinesi di tutte le età è “qualcosa di cui vergognarsi”, “di sporco”. Ma quel che non può la censura può il business emulativo.

ALL’EROS-FIERA DELL’EST
Il Paese più popoloso al mondo dovrebbe essere anche il più sessualmente attivo, il che non significa che in Cina il sesso non rappresenti un tabù: si fa, ma non se ne parla. L’educazione sessuale inesistente nelle scuole, il numero vertiginoso di aborti causati dalla scarsa informazione (10 milioni l’anno), le pubblicità di preservativi vietate, ancora oggi il sesso per i cinesi di tutte le età è “qualcosa di cui vergognarsi”, “di sporco”. Ma quel che non può la censura può il business emulativo.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

A cosa si deve il successo ventennale di Orbán?

Il Ministro degli Esteri cinese in tour nel Pacifico

Un futuro (in)sostenibile per la Germania