spot_img

Cous cous, un alimento antico


Il cous cous è un cibo tradizionale Nord Africano fatto di piccoli granuli di semola di grano duro lavorata con acqua, poi cotti a vapore ed essiccati. Le prime notizie che si hanno riguardo al consumo di cous cous risalgono intorno al 1400. Questo alimento vuole ricordare la tradizione del popolo berbero che aveva a disposizione solo un tipo di grano da lavorare per essere poi mangiato.

Il cous cous è un cibo tradizionale Nord Africano fatto di piccoli granuli di semola di grano duro lavorata con acqua, poi cotti a vapore ed essiccati. Le prime notizie che si hanno riguardo al consumo di cous cous risalgono intorno al 1400. Questo alimento vuole ricordare la tradizione del popolo berbero che aveva a disposizione solo un tipo di grano da lavorare per essere poi mangiato.

La lavorazione era (ed è ancora) solitamente abbastanza lunga, in origine infatti le donne si trovavano in gruppo per dedicarsi esclusivamente alla preparazione di grandi quantità di cous cous per poi averne di scorta per i mesi successive, sistemando in sacchi. Solo alcune popolazioni rurali e alcune tribù berbere usano ancora preparare il cous cous in questo modo, ma la maggior parte del cous cous è prodotta industrialmente, vista la grande quantità richiesta. Per preparare il cous cous di solito si usa la “couscoussiera”, una pentola composta da due parti: la parte di sotto, dove vengono fatte cuocere le verdure e le carni, e la parte superiore, dove viene cotto il cous cous con il vapore delle pietanze sottostanti, che contribuisce a renderlo morbido e naturalmente saporito.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €35

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €15

- Advertisement -spot_img

COP 28: Green New Deal for Future

Grecia: i diritti civili vincono contro la scomunica

Israele/Palestina: la guerra del gas

Mezzo mondo va al voto nel 2024: ma come e per fare cosa?

rivista di geopolitica, geopolitica e notizie dal mondo