spot_img

Covid: la nuova missione Oms


L’Oms deve essere meno dipendente dalle donazioni dei Paesi, meno impegnata in diplomazia ma più nella gestione delle emergenze

Giulia Pompili Giulia Pompili
Giornalista de Il Foglio. Si occupa di Asia orientale. Ha scritto da Tokyo, da Seul e ha iniziato a scrivere della pandemia da Hong Kong.

L’Oms deve essere meno dipendente dalle donazioni dei Paesi, meno impegnata in diplomazia ma più nella gestione delle emergenze

Tedros Adhanom, direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità, stringe la mano al Presidente cinese Xi Jinping prima di un incontro presso la Great Hall of the People di Pechino, Cina, 28 gennaio 2020. Naohiko Hatta/Pool via REUTERS

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

A cosa si deve il successo ventennale di Orbán?

Il Ministro degli Esteri cinese in tour nel Pacifico

Un futuro (in)sostenibile per la Germania