Visioni di Lubiana

Una città a vocazione europea tende a rafforzare un complesso di standard urbanistici, ambientali e socioeconomici. Cioè a svilupparsi secondo una concezione socialmente condivisa del futuro urbano; e più precisamente un progetto che rispetti parametri di sostenibilità e che proponga soluzioni sul medio-lungo termine per le questioni più pressanti: trasporti, aree verdi, biodiversità, qualità dell'aria, inquinamento acustico, produzione e gestione dei rifiuti.

Photo Miha Pavlin

In questo senso, Lubiana è una città a vocazione europea. È sufficiente dare un'occhiata alle linee guida del progetto urbano “Vision 2025” per capirlo: strategia sostenibile sul lungo periodo basata sull'estensione progressiva delle aree verdi, ottimizzazione della rete di trasporti e obiettivi ambiziosi in termini di mobilità (ad esempio, il raggiungimento entro il 2020 dell'equilibrio nell'utilizzo di trasporto pubblico, traffico non motorizzato e veicoli privati).

Il sindaco Zoran Jankovic e il vicesindaco Janez Koželj (che di mestiere fa il docente di design urbano all'Università di Lubiana) negli ultimi anni hanno messo in atto politiche urbane orientate verso il rinnovamento architettonico e commerciale del centro città, la rigenerazione di spazi pubblici e il monitoraggio del consumo di energia.

I dati pubblicati nello Statistical Yearbook of Ljubljana sembrano confermare in modo chiaro la presenza di una visione per il futuro: 140mila m² di aree pedonali (20mila soltanto negli ultimi due anni); 150 ettari di spazio verde ottenuto su siti precedentemente degradati; - 1,5% di veicoli motorizzati nel quinquennio 2008-2012; 680 biciclette disponibili con i due servizi di bike sharing (380 Bicikelj, 300 City Bike); + 10% di investimenti sulla protezione dell'ambiente tra il 2007 e il 2011, con una spesa incrementata del 58%.

Photo Miha PavlinPhoto Miha Pavlin

E sembra confermarlo anche la pratica quotidiana dello spazio urbano da parte dei cittadini. I numeri relativi al servizio di bike sharing sono significativi: 2 milioni di biciclette noleggiate, 55 mila utenti (in una città di soli 280 mila abitanti), 99% di noleggi entro la prima ora gratuita. Del resto, quando le strategie di sviluppo provengono dalle amministrazioni pubbliche, coloro che vivono la città posso aderirvi oppure no. È un fatto sociale: una strategia può essere definita tale soltanto quando la maggior parte dei soggetti che partecipano alla vita metropolitana hanno una concezione condivisa dello sviluppo futuro.“D'una città non godi le sette o le settantasette meraviglie, ma la risposta che dà a una tua domanda” scriveva Calvino ne Le città invisibili. Evidentemente Lubiana dà le risposte giuste.

E non è certamente un caso che nel giugno scorso la città sia stata premiata dalla Commissione Europea con l'European Green Capital Award 2016. Come non è stato un caso che nel 2010 l'UNESCO l'abbia nominata World Book Capital. Oppure che la rivista americana Forbes abbia incluso la capitale slovena nella classifica dei dieci posti più vivibili d'Europa. O ancora che secondo i dati della Commissione Europea sia la città più sicura dell'Europa del Sud-Est.

Lubiana è europea soprattutto perché preannuncia un modello futuro di città. Ovvero uno spazio in cui si riesca a combinare la dimensione architettonica tradizionale e la cultura urbana contemporanea; la necessità di mobilità dei cittadini e la responsabilità ambientale; l'espansione dell'abitato e l'attenzione per la dimensione paesaggistica.

Come sarà Lubiana nel 2025? Dove si espanderà e dove troveremo lo spazio per costruire? Qual è il suo ruolo in Europa, nello stato e nella regione? Quali cambiamenti subirà?” sono le domande con cui il vicesindaco Koželj introduce la descrizione del progetto “Vision 2025” sul sito ufficiale della capitale. Niente di nuovo: semplici domande sull'avvenire urbano. Eppure a leggerle viene da pensare che, se è vero che d'una città si godono le risposte, interrogarla nel modo giusto è forse la chiave di tutto.

Scrivi il tuo commento
@

Oppure usa i tuo profili social per commentare

GRAZIE

GUALA
GUALA