eastwest challenge banner leaderboard

Vita, passione e opere firmate Carol Rama. In mostra al Museo di arte moderna di Parigi

Il primo week end del mese di aprile si è distinto a livello artistico per la presentazione di una nuova grande retrospettiva tutta al femminile, questa volta dedicata alle opere dell’eccentrica Carol Rama.

Photo credits www.mam.paris.fr

Si tratta della sua prima personale parigina, frutto di un progetto itinerante che ha visto la sua presentazione ufficiale al Macba di Barcellona, in occasione dell’inizio dell’anno, e che prevede nuove tappe in Finlandia, Irlanda ed infine in Italia, nella sua città natale, Torino.

L’esposizione francese, arricchita dalla curatela della direttrice del museo Anne Dressen, presenta oltre 200 opere dell’artista torinese, accomunate dal fil rouge della passione, come suggerito dal titolo dell’evento, La passion selon Carol Rama. Attraverso i potenti moti d’animo della pittrice è possibile ripercorrere la sua crescita personale ed artistica, in un susseguirsi di proposte tematiche e cronologiche che spazia dagli acquerelli ai bricolages, alle opere frutto dell’utilizzo di materiali non istituzionali come camere d’aria delle biciclette, cuoio, copertoni dipinti.

La quasi centenaria Carol non ha mai fatto mistero delle sue radici borghesi e delle tradizioni cattoliche su cui è stata imbastita la sua educazione, le quali certamente contribuirono ad alimentare nella giovane artista il gusto per il proibito e fascinazione per il concetto di peccato, di cui parla come a ricordare un vero e proprio maestro.

Per non parlare degli eventi traumatici della sua vita - la morte prematura del padre e la conseguente depressione clinica della madre - che indubbiamente restituirono angosce e pensieri che hanno alimentato l’immaginario dell’artista. Il personaggio di Carol Rama si compone quindi di vari elementi: grande curiosità e la volontà di affermarsi al di sopra di qualsiasi etichetta, il rifiuto delle regole e la ricerca di un individualismo che le restituisse un’assoluta libertà. La sua forte personalità l’ha portata ad avvicinarsi a tutte le grandi correnti artistiche del XX secolo - Surrealismo, Pop Art, Arte Povera – senza mai far parte di nessuna di queste. Il risultato? La volontà declinata in Passione, l’effettivo e magnetico fil rouge di tutte le opere che ha concepito, chiave di lettura di questa mostra e della sua produzione artistica.

Il percorso espositivo si compone di numerosi suoi dipinti dedicati al corpo umano, soprattutto quello femminile. Il contrasto tra la cruda violenza e l’esplicita sensualità dei soggetti dipinti è espresso chiaramente anche dall’uso dell’acquarello, una tecnica solitamente delicata, infantile, in questo caso totalmente stravolta. Estremamente provocatori, in passato spesso censurati perché considerati osceni, i suoi dipinti mettono in evidenza per forma e colori bocche, lingue, organi sessuali maschili e femminili sovradimensionati che, a prescindere dalle connotazioni – mutilati, esposti, ritratti nelle loro funzioni corporali – colpiscono per la loro vitalità. La Passione, appunto. La stessa percepita nella serie Diagrams, dove vengono rappresentati stati mentali e pulsazioni che vibrando danno vita a segni e forme geometriche, la cui evoluzione vedrà le stesse cucite su tela, in associazione alle suture e pratiche mediche, e quindi di nuovo al corpo umano. E ancora, le forme ricercate in frammenti di realtà - sfere di metallo ed occhi di vetro, unghie e denti, materiali organici e non – che mescolate al colore e incollate su tela danno vita ai Bricolages.

Inoltre, la mostra parigina si è arricchita arricchita di un ingresso privilegiato alla casa studio della Rama, grazie ad un’installazione site specific dell’artista Bepi Ghiotti e del sound artist Paolo Curtoni. Gli spettatori sono infatti invitati ad entrare in uno spazio raccolto all’interno del museo in cui è possibile vivere gli spazi privati dell’artista attraverso le fotografie di Ghiotti, ascoltando la voce della Rama e i suoni registrati nel suo studio, ed osservando gli strumenti di lavoro, i ricordi e gli oggetti feticcio di Carol.

Un contatto ancor più diretto ed intimo con un’artista audace e sperimentale, le cui tematiche controverse stimolano riflessioni molto attuali, certamente molto intense.

 

La passion selon Carol Rama

3 aprile - 12 luglio 2015

Musée d’Art Moderne de la Ville de Paris

http://www.mam.paris.fr/







 

Scrivi il tuo commento
@

La voce
dei Lettori

Eastwest risponderà ogni settimana ai commenti sui social e alle domande inviate dai lettori. Potete far pervenire la vostra domanda usando il tasto qui sotto. Per essere pubblicati, i contributi devono essere firmati con nome, cognome e città. Invia la tua domanda a eastwest

GUALA