Egitto. Democrazia militare

Dentro le rivoluzioni che negli ultimi tre anni hanno attraversato l’Egitto, nelle storie e nelle piazze, Egitto. Democrazia militare di Giuseppe Acconcia è un reportage accurato e fitto, un’opera al tempo presente.

Egitto. Democrazia militare - Giuseppe Acconcia - Exòrma Edizioni, pp. 240, 14€

L’autore compie un viaggio immersivo nell’Egitto contemporaneo, mettendo in luce senza pudori e retoriche le contraddizioni di un paese in bilico tra tradizione e modernizzazione.

Come per la memoria, la narrazione procede a ritroso, a partire da settembre 2014, risalendo nel passato per raccogliere il filo delle proteste del 2011, note come primavere arabe. Un punto di vista dal basso - la città di sotto, il popolo, i movimenti sociali - con il quale Acconcia rivela la repressione di migranti e minoranze, la punizione collettiva delle tribù del Sinai, gli operai delle fabbriche di Suez, il massacro di Rabaa el Adaweya, gli scontri tra sufi e salafiti al confine
libico.

E la storia, con la politica e l’economia, diventano voci e corpi, testimonianze raccolte in cammino, leggendo le quali capiamo cosa è rimasto e cosa è mancato alle piazze egiziane, durante un laboratorio politico a cielo aperto con epicentro a Sud. Un libro, qui e ora, per capire - anche grazie all’inquadramento storico e teorico della prefazione di Sonallah
Ibrahim, uno dei più grandi scrittori egiziani - l’epilogo della protesta di piazza Tahrir, che dopo aver riacceso le speranze sulle rivoluzioni del XXI secolo, si è trasformata nel sanguinoso colpo di stato militare di Abdel Fattah al-Sisi.

Scrivi il tuo commento
@

Oppure usa i tuo profili social per commentare

GRAZIE

banner fest sidebarbanner fest unicredit

La voce
dei Lettori

eastwest risponderà ogni settimana ai commenti sui social e alle domande inviate dai lettori. Potete far pervenire la vostra domanda usando il tasto qui sotto. Per essere pubblicati, i contributi devono essere firmati con nome, cognome e città Invia la tua domanda ad eastwest

GUALA
GUALA