eastwest challenge banner leaderboard

Le dieci migliori tecnologie del 2016 e le previsioni per il 2017

Salvare una bambina di 12 mesi malata di cancro grazie alle cellule del sistema immunitario geneticamente modificate, piantare colture che resistono alla malattia e alla siccità in modo più efficace attraverso la tecnologia nota come CRISPR, utilizzare soltanto la propria voce per comandare lo smartphone.

La mano del robot Pepper e di un neonato, Ospedale di Ostend.REUTERS/Francois Lenoir
La mano del robot Pepper e di un neonato, Ospedale di Ostend.REUTERS/Francois Lenoir

Queste solo le prime tre delle dieci migliori nuove tecnologie del 2016 secondo il MIT. Nella classifica troviamo anche il riutilizzo dei razzi, che solitamente si distruggono in viaggio. Nel dicembre 2015 per la prima volta un razzo è riuscito ad atterrare: è il Falcon 9 dell'azienda californiana Space X. In questo modo le missioni spaziali saranno meno costose e magari in un tempo più o meno vicino potremmo tutti diventare “turisti” nello spazio.

E che mondo sarebbe se i robot potessero riconoscere e spostare gli oggetti? Fino a pochi anni fa una domanda del genere era pura fantascienza, oggi invece Stefanie Tellex, professoressa di informatica presso la Brown University, sta escogitando un metodo di apprendimento automatico in modo tale che i robot possano imparare a riconoscere e a manipolare gli oggetti “giusti”. Secondo lei ciò che differenzia gli umani è il periodo dell’infanzia in cui impariamo e processiamo “un enorme quantitativo di dati”. La sua ricerca “Million Object Challenge” ha come obiettivo una sorta di memoria condivisa tra vari robot che si scambiano così le informazioni necessarie per riconoscere, afferrare e spostare migliaia di oggetti differenti.

Due altri grandi successi dell’anno: una sorta di DNA App Store, che renderà più economico e facile capire i rischi per la salute e la predisposizione alle malattie e un impianto solare, capace di costruire 10.000 pannelli solari al giorno, rendendo la tecnologia molto più accessibile e attraente per i proprietari di case.

Anche “Slack” entra nella Top Ten dell’anno. Il sistema di messaggistica, lanciato nel 2013, si adatta alle esigenze di chi spesso si trova a lavorare con dispositivi mobili e con persone che non sono sempre nello stesso ufficio alla stessa ora. In meno di tre anni, oggi supera due milioni di utenti al giorno.

Le ultime due innovazioni contemplate nella classifica? La macchina con il pilota automatico "Tesla" e dispositivi che non si alimentano con la normale batteria, bensì utilizzando solo l’energia raccolta dalla TV, radio, telefono cellulare o dal segnale Wi-Fi.

La Top Ten del The Scientist, invece, apre la sua lista con il nuovo “Milo” che permette di eseguire un Western blot (tecnica biochimica  che permette di identificare una determinata proteina  in una miscela di proteine, mediante il riconoscimento di anticorpi  specifici) su mille singole cellule contemporaneamente, rendendo più veloce la caratterizzazione delle proteine. Troviamo poi anche "ZipChip", un dispositivo a microfluidi che accelera la spettrometria di massa, richiedendo volumi minimi di campioni e ampliando la gamma di materiali che uno spettrometro è in grado di gestire.

Ma tutti questi progressi potrebbero essere soltanto la premessa. C'è sempre qualcosa di nuovo all'orizzonte. Secondo Forbes, il prossimo 2017 sarà segnato da grandi innovazioni nell’ambito dell’Internet of Things (IoT) e potremo vivere presto in smart home. La parola d’ordine sarà automation, che grazie all’avanzamento della tecnologia farà svolgere ai robot mestieri che fino ad oggi sembravano essere esclusivamente per umani. E così tra pochi anni potremmo avere addirittura al nostro fianco giornalisti e manager robot.

@LaviniaPelosi

Scrivi il tuo commento
@

Oppure usa i tuo profili social per commentare

GRAZIE

La voce
dei Lettori

eastwest risponderà ogni settimana ai commenti sui social e alle domande inviate dai lettori. Potete far pervenire la vostra domanda usando il tasto qui sotto. Per essere pubblicati, i contributi devono essere firmati con nome, cognome e città Invia la tua domanda ad eastwest

GUALA