spot_img

DA BARCELLONA ’92 AL BRAZIL 2014: COME UNA STRAORDINARIA OCCASIONE DI SPORT PUÒ DIVENTARE UN’OPPORTUNITÀ UNICA DI TRASFORMAZIONE DEL TERRITORIO”


La trasformazione urbane viene spesso accelerata nelle città che ospitano i grandi eventi.

La trasformazione urbane viene spesso accelerata nelle città che ospitano i grandi eventi.

Molti sono gli esempi positivi in giro per il mondo, ma spesso c’è la paura che dopo l’emozione rimanga ben poco oltre i conti da pagare e le opere da mantenere. La prima condizione necessaria a che un grande evento sia tale è la sua unicità: anche se ciclico, l’accadimento in questione si presenta nelle sue specificità unico ed irripetibile. La seconda caratteristica è individuabile nell’enorme dispiegamento di risorse economiche che l’evento muove e la terza è costituita dalla straordinaria esposizione mediatica del luogo di svolgimento. Tutte le caratteristiche suddette si esplicitano nell’oggetto che ci interessa in questa sede: lo “spazio” ovvero il luogo del grande evento. In una fase storica in cui la competizione ed il marketing urbano ricoprono un ruolo di primo piano nel determinare il futuro delle città, diviene prioritario attivare ingenti energie proprio usando l’evento come volano. La pratica del concepire la grande manifestazione olimpica come momento di ripensamento della città nel suo complesso e come occasione per innescare profonde trasformazioni strutturali e infrastrutturali dell’ambiente urbano è andata progressivamente consolidandosi.

Barcellona, Torino e Londra. Il costo dei successi.

Nel 1992 Barcellona cerca, con il palcoscenico mondiale, il riposizionamento internazionale come capitale economica della Spagna post-franchista. Torino ha approfittato delle olimpiadi per scrollarsi di dosso la patina d’austera città industriale ed in Italia rimane sicuramente un caso di successo, dove l’opportunità di distinguere tra le trasformazioni fugaci legate all’evento e le trasformazioni permanenti sono ben visibili. Ma anche a Torino i conti economici non sono stati del tutto chiari e per ripianare i debiti è stato necessario mettere mano al portafoglio, attraverso Sviluppo Italia, e gli enti locali, per un totale di circa €200 milioni. Anche a Barcellona del resto, dove la spesa complessiva fu di $6 miliardi di dollari divisa tra pubblico e privato, i ricavi non hanno bilanciato i costi. A Torino le Olimpiadi hanno depositato nella città e nelle valli una rilevante dotazione di strutture e infrastrutture realizzate in un lasso di tempo molto breve, tutto ciò mentre nella città le trasformazioni erano in gran parte già prefigurate dal piano regolatore, per cui hanno agito fondamentalmente come acceleratore. A livello organizzativo, la grande scommessa dei Giochi di Londra è stata la riqualificazione di un’area della città. La scelta di Londra riguarda la volontà di considerare tutto il progetto di Parco Olimpico come la ricaduta di un progetto più ambizioso, quello di riqualificare una delle are più degradate del Regno Unito, l’East End. Quindi, l’eredità di un grande evento, quando si parla di successo non può essere misurata solo in termini economici passando anche per la riqualificazione di aree urbane depresse.

Il successo di un evento dipende dalla capacità di articolare un ragionamento di lungo periodo capace di non legarsi alla redditività economica a breve termine ma ad una progettualità che sappia inquadrare il successo dell’evento nella riuscita di un progetto urbano che senza l’evento non avrebbe potuto compiersi.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img