spot_img

Da giornalista a rifugiato


Testimonianze di coraggiosi cronisti che, perseguitati nei loro Paesi dove la libertà d’espressione viene brutalmente soffocata, sono stati costretti ad abbandonare la propria casa e la propria famiglia e hanno trovato rifugio in Germania, grazie all’instancabile opera di assistenza di Reporter senza frontiere. Dopo anni di prigione, torture o minacce, finalmente una nuova vita. Ma con il cuore colmo di nostalgia per una terra lontana, che vorrebbero poter ritrovare un giorno finalmente libera e non oppressa da regimi sanguinari.

Testimonianze di coraggiosi cronisti che, perseguitati nei loro Paesi dove la libertà d’espressione viene brutalmente soffocata, sono stati costretti ad abbandonare la propria casa e la propria famiglia e hanno trovato rifugio in Germania, grazie all’instancabile opera di assistenza di Reporter senza frontiere. Dopo anni di prigione, torture o minacce, finalmente una nuova vita. Ma con il cuore colmo di nostalgia per una terra lontana, che vorrebbero poter ritrovare un giorno finalmente libera e non oppressa da regimi sanguinari.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

Quattro anni per Aung San Suu Kyi

Usa-Cina: conflitto inevitabile

Francia, nostalgia di Indochine