spot_img

Afghanistan, ecco perché la democrazia non si esporta


C'è una profonda differenza tra l'idea di esportare la democrazia in un Paese e l'intento di svilupparne le istituzioni, obiettivo che presuppone il rispetto della struttura sociale e i valori culturali di quella società

Stefano Pontecorvo Stefano Pontecorvo
Già Ambasciatore italiano in Pakistan, dal 2020 è Senior Civilian Representative della Nato in Afghanistan. Ha gestito il traffico all’aeroporto internazionale di Kabul durante la crisi afghana.

C’è una profonda differenza tra l’idea di esportare la democrazia in un Paese e l’intento di svilupparne le istituzioni, obiettivo che presuppone il rispetto della struttura sociale e i valori culturali di quella società

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img