EN

eastwest challenge banner leaderboard

Difesa Ue. Se non ora, quando?

Indietro

Trump può favorire un colpo d’ala verso una Difesa unita, superando il rischio che ogni Stato membro rimanga prigioniero di un vecchio gioco delle parti.

Il giorno dopo l’elezione di Donald Trump, ho ascoltato una collega ben inserita nel policy making sulla difesa europea fare due commenti secchi: “è la fine della Nato”, e “è la volta buona dell’Europa della difesa”. Sommando Trump alla Brexit, lo spettro di una “anglosfera” separata dalla sicurezza dell’Europa continentale e ostile all’Ue ha iniziato ad agitare i sonni di atlantisti ed europeisti. I primi, da Varsavia a Riga, hanno improvvisamente scoperto le virtù dell’Europa della difesa, come succedaneo all’ombrello di sicurezza americano di fronte al temuto orso russo, abbandonando l’opposizione basata sul principio Nato first. I secondi, da Berlino a Parigi passando ovviamente per Bruxelles, hanno rialzato la bandiera dell’Europa della difesa non vedendo più all’orizzonte né amici a Washington né quinte colonne della perfida Albione all’interno dell’Ue.

Per continuare a leggere, acquista il pdf del numero.

Per abbonarti, visita la nostra pagina abbonamenti.

La voce
dei Lettori

eastwest risponderà ogni settimana ai commenti sui social e alle domande inviate dai lettori. Potete far pervenire la vostra domanda usando il tasto qui sotto. Per essere pubblicati, i contributi devono essere firmati con nome, cognome e città Invia la tua domanda ad eastwest

GUALA