spot_img

Facebook, i post di violenza e odio e l’ennesimo danno d’immagine


Il Washington Post ha appena pubblicato un'analisi relativa ai contenuti razzisti e politici e il modo tiepido con cui vengono affrontati dagli strumenti di controllo del social network

Martino Mazzonis Martino Mazzonis
Giornalista e ricercatore, è autore di Come cambia l’America (con Mattia Diletti e Mattia Toaldo, 2009) e di Tea party (con Giovanni Borgognone, 2011).

Il Washington Post ha appena pubblicato un’analisi relativa ai contenuti razzisti e politici e il modo tiepido con cui vengono affrontati dagli strumenti di controllo del social network

Una nuova settimana e una nuova puntata della saga Facebook. Sapevamo che le migliaia di documenti raccolti e poi diffusi da Frances Haugen avrebbero rappresentato forse il peggior colpo di immagine subito dal social network fino a oggi, e così è stato.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img