spot_img

È giallo sullo Stato Islamico in Pakistan


L'effetto “Stato Islamico” sembra ormai aver colpito anche il Pakistan: graffiti sui muri delle principali città del Paese; volantini inneggianti al Daish e al Califfo; gruppi più o meno noti, in fila per esprimere il proprio sostegno allo Stato Islamico (SI), così da ottenere maggiore visibilità a livello internazionale.

L’effetto “Stato Islamico” sembra ormai aver colpito anche il Pakistan: graffiti sui muri delle principali città del Paese; volantini inneggianti al Daish e al Califfo; gruppi più o meno noti, in fila per esprimere il proprio sostegno allo Stato Islamico (SI), così da ottenere maggiore visibilità a livello internazionale.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

A cosa si deve il successo ventennale di Orbán?

Il Ministro degli Esteri cinese in tour nel Pacifico

Un futuro (in)sostenibile per la Germania