Classe dirigente europea tra memoria e futuro

Giulio Andreotti e Giuliano Amato a confronto sul rapporto tra cittadinanza italiana ed europea. Due punti di vista diversi, ma convergenti su istituzioni, politiche, regole, vincoli e parametri di un grande “cantiere aperto”. Tornare allo spirito costituente senza fare della Costituzione un feticcio, dice l’ex leader dc. Ma non si può amare un’Europa fatta solo di moduli e di regole sulla birra, osserva il dirigente dell’Ulivo.

Allegati:
FileDescrizione
Scarica questo file (026-032_nuova_classe_dirig.pdf)Classe dirigente europea tra memoria e futuro.pdfitaliano

 

Scrivi il tuo commento
@

Oppure usa i tuo profili social per commentare

GRAZIE

GUALA
GUALA