n.15 giugno 2007

I loro nomi non dicono molto al grande pubblico,come diceva poco quello della giornalista scomoda Anna Politkovskaja prima di essere assassinata. Ma sono sempre di più nel mondo i casi in cui l’opposizione a regimi dittatoriali vede in prima fila le donne.In questo numero di east, Farian Sabahi, giornalista iraniana che vive e lavora in Italia, ha ricostruito insieme ad Anna Vanzan quattro profili  relativamente nuovi di “donne contro”.Sono Salma Hadad,medico e professore universitario a Baghdad;Tahira Bilquis, avvocatessa pakistana; Salima Ghezzali, giornalista algerina, e Noushin Khorassani, saggista iraniana.Le loro storie si commentano da sole.
Il tema dei diritti politici e umani in generale è poi ampiamente trattato sia nell’intervista esclusiva al presidente dell’Ucraina Vikctor Yushchenko, realizzata da Massimiliano Di Pasquale, sia nella lettera aperta di Predrag Matvejevic al presidente della Russia Vladimir Putin.
Il Dossier, curato da un gruppo di economisti coordinati da Debora Revoltella, è invece dedicato al problema della competitività dell’Europa a fronte della travolgente competitività asiatica.
Quanto al Venice Forum, in programma il 21 e 22 giugno, focalizzato sul tema dell’Energia, abbiamo intervistato il premio Nobel Carlo  Rubbia e siamo entrati direttamente nelle problematiche del principale concorrente del petrolio,il gas,con gli articoli di Piero Sinatti e Antonio Villafranca.
Infine,due segnalazioni su due reportage:quello di Monika Bulaj sulla Lituania e quello di Emiliano Bos sul Kosovo visto dai finestrini del “treno della speranza”.

TUTTI GLI ARTICOLI


Sommario

Ho scritto le prime righe di questa lettera in russo dopo la tragica morte di Anna Stepanovna Politovskaja, assassinata
a colpi di pistola nell’ascensore della sua abitazione a Mosca in via Lesnaja.

La sconsiderata riforma costituzionale del 2004; la corruzione; la cultura politica, pesante eredità dell’Urss. Sono queste, a giudizio del presidente ucraino, le ragioni della nuova, gravissima crisi attraversata dal Paese

Medico e professore universitario, Salma Hadad lavora dal 1990 con i bambini affetti da tumori ematologici provenienti da tutto l’Irak. Il fatto di appartenere a una famiglia sciita non costituiva un problema fino alla guerra contro Saddam Hussein.

Hanno collaborato a questo numero:
Antonio Barbangelo
Emiliano Bos
Stefan Bruckbauer
Monika Bulaj
Alessandra Cipolla
Simone Cofferati
Fabrizio Coricelli
Massimiliano di Pasquale
Matteo Ferrazzi
Cristina Giuliano
Michael A.Landesmann
Carlotta Magnanini
Predrag Matvejevic
Marco Montanari
Fabio Mucci
Fernando Orlandi
Rozalia Pal
Debora Revoltella
Farian Sabahi
Piero Sinatti
Donato Speroni
Lucia Tajoli
Anna Vanzan
Maria Elena Viggiano
Antonio Villafranca
Vittorio Borelli