Kosovo: sul treno della speranza

Ogni viaggio nell’ex Jugoslavia obbliga a fare i conti con la memoria e il passato. Dice Ljubisa Djordjevic, serbo di 72 anni: “Ho lavorato per una vita alla all’ufficio postale di Pristina, finché è stato possibile lavorare con gli albanesi”.

 

Oppure usa i tuo profili social per commentare

GRAZIE

GUALA
GUALA