n.16 ottobre 2007

Come sarà il Mondo nel 2015? Un team interdisciplinare di esperti dell’Onu ha tentato di rispondere alla domanda. I risultati del lavoro – da prendere con le pinze, ovviamente, come è giusto fare con tutte le proiezioni – vengono illustrati da Donato Speroni nel servizio di apertura della rivista, a pagina 8. Si scopre, tra l’altro, che i parametri con cui erano stati definiti i Millennium Goals non sono più ritenuti soddisfacenti. Manca, per esempio, qualcosa capace di misurare come varia il grado di “felicità” delle persone.
La copertina è dedicata a un tema politico e strategico di grande attualità: lo stato dei rapporti tra Usa e Russia. Le cronache di questi mesi hanno fornito molti spunti di riflessione. Piero Sinatti ne fa, a pagina 122, un’accurata descrizione. Da cui emerge, come si sapeva, che il feeling tra i due Paesi è finito. Ma anche tutte le ragioni per cui si ritiene del tutto prematuro parlare di “ritorno alla Guerra Fredda”. In proposito, rimandiamo i lettori all’intervista fatta da Cristina Giuliano a Sergey Yastrzhembskiy, consigliere di Putin per i rapporti con l’Europa.
Ai diritti umani e alle loro violazioni è dedicato il Dossier, che riprende quasi integralmente l’Hate Crimes 2007 di Human Rights First.
Una panoramica sconvolgente sullo stato della violenza e delle discriminazioni nel mondo.
Infine, una menzione a due reportage: quello di Monika Bulaj sulle minoranze Lemki e quello di Emiliano Bos sui “dannati della Terra”, che emigrano dall’Africa alla ricerca dell’Eldorado europeo

 

TUTTI GLI ARTICOLI


Sommario

Per il secondo anno consecutivo east,il Gruppo UniCredit,il Comune di Venezia e la Fondazione Venezia 2000,hanno dato vita al “Venice Forum”,laboratorio di dibattito permanente tra rappresentanti delle Istituzioni politiche,imprenditori,
accademici,esponenti del mondo economico e della società civile.

Un diario di viaggio alla ricerca di una normalità perduta. La scrittrice Elvira Mujcic, croata e musulmana, aveva 12 anni ai tempi del genocidio. In un libro che lei stesso definisce “viaggio-terapia” racconta l’orrore della guerra in maniera ironica, intelligente, non banale e non retorica. E a proposito dei molti cliché che ancora oggi circolano sulla ex Jugoslavia...

Pur con tutti i suoi difetti, il Trattato Costituzionale ricuce lo strappo dei referendum francese e olandese. Ma è sul medio periodo, nota l’ex direttore generale del WTO Renato Ruggiero, che si addensano i rischi.

Hanno collaborato a questo numero:
Stefania Amorosi
Antonio Barbangelo
Emiliano Bos
Monika Bulaj
Ahmet Cimenoglu
Alessandra Cipolla
Simone Cofferati
Rita Fatiguso
Matteo Ferrazzi
Cristina Giuliano
Francesca Gori
Francesca Lancini
Sanja Lucic Bianchi
Carlotta Magnanini
Marco Montanari
Fabio Mucci
Toti Naspri
Francesca Nenci
Fernando Orlandi
Elena Fenili
Romeo Orlandi
Niccolò Pianciola
Debora Revoltella
Farian Sabahi
Piero Sinatti
Donato Speroni
Claudia Stanila
Danilo Taino
Elena Fenili
Maria Elena Viggiano
Yelda Yucel
Vittorio Borelli