n.2 ottobre 2004

 L’accordo politico è stato raggiunto, in extremis, a fine giugno. Dal 29 ottobre ci sono anche i sigilli in ceralacca. Quale che sia il giudizio di merito, il Trattato costituzionale europeo è diventato un punto di non ritorno. Lo scrivono Renato Ruggiero, nell’editoriale che apre questo secondo numero di east, ma lo affermano anche Sergio Romano e Stefano Rodotà: il primo focalizzandosi sul ruolo decisamente ambiguo dell’Inghilterra, il secondo mettendo a confronto il sistema di garanzie europeo con la ben più collaudata democrazia americana. Collaudata, ma “ineguale”, rileva Sidney Verba, professore ad Harvard, uno dei maggiori scienziati politici contemporanei. Citando Thomas H. Marshall, che definiva il capitalismo “un sistema non di eguaglianza ma di ineguaglianza”, Verba dimostra che in termini di politiche di welfare gli Stati Uniti si trovano in fondo alla classifica delle democrazie occidentali. Nel suo ultimo libro (Il sogno europeo edito da Mondadori) Jeremy Rifkin denuncia l’inadeguatezza del sistema valoriale e sociale americano nella globalizzazione.

L’Allargamento (a cui è dedicato anche il secondo Dossier di east, con una inedita ricerca sulla ricchezza finanziaria nei Paesi appena entrati ) continua a far discutere. In teoria, la relazione fra livelli di sviluppo diversi dovrebbe alimentare nuovo sviluppo per tutti. Ce lo dicono, con dovizia di dati, personalità molto distanti fra loro: ex consigliere economico della Casa Bianca Robert F.Wescott, il ministro degli Esteri italiano Franco Frattini, il professor Tiziano Treu e il leader della Margherita Enrico Letta nella sua “provocazione” sul vincolo esterno. Qual è allora il problema? L’economista Tito Boeri risponde che il problema non è economico, ma politico: dopo l’Allargamento, molti partner hanno cominciato a remare contro per paura di aver fatto il passo più lungo della gamba.

Ma l’Europa non è soltanto diritto ed economia. Europa sono anche le persone, i popoli, con la loro storia e le loro culture, i loro odii e le loro guerre. Ce lo ricorda, con parole che lasciano il segno, uno dei maggiori scrittori contemporanei: Predrag Matvejevic. E ce lo ricordano anche due grandissimi reporter: il giornalista-scrittore Paolo Rumiz e la fotografa Monika Bulai. L’uno con le parole, l’altra con le immagini. Impegnati entrambi a restituire voce e dignità a una parte d’Europa che non fa più notizia. O, per dirla con Aldo Bonomi, che riesce tragicamente a farla soltanto con le autobomba e le cinture al plastico.

TUTTI GLI ARTICOLI


Sommario.

L’Europa e lo “scontro di civiltà”. L’Iraq e il terrorismo fondamentalista. Beslan e le ambizioni della nuova Russia di Putin. Predrag Matvejevic, il maggiore saggista del mondo slavo, affronta i temi più caldi del momento. E ricorda che gli europei, in Bosnia, hanno buttato al vento un’occasione storica non riconoscendo l’esistenza di una delle comunità islamiche più laiche al mondo. Così oggi...

Beslan è l’estremo. Ma tutti viviamo la condizione di chi ha smarrito i principi ordinatori del conflitto di classe. E che si trova a fare i conti con
la moltiplicazione di identità differenziali, di comunità artificialmente costruite, di soggetti alla ricerca di nuovi fattori di identificazione e
reciproco riconoscimento. Ecco perché quelli che si mettono in mezzo, i volontari…

Stanno scomparendo i luoghi dell’incontro e del dialogo fra culture e religioni diverse. Distrutti dalle semplificazioni dei media, dalla dinamite dei clan o dalle bombe intelligenti dei poteri planetari. Ma la realtà non può essere ridotta a bianco o nero, come vorrebbero i fondamentalismi e il pensiero unico atlantico.

Hanno collaborato a questo numero:
Tito Boeri
Aldo Bonomi
Vittorio Borelli
Franco Botta
Antonio Calabrò
Lorenzo Consoli
Franco Frattini
Cristina Giuliano
Gaetano La Pira
Enrico Letta
Fabio Mucci
Maurizio Nichetti
Debora Revoltella
Stefano Rodotà
Paolo Rumiz
Renato Ruggiero
Ugo Tramballi
Tiziano Treu
Sidney Verba
Robert. F. Wescott