eastwest challenge banner leaderboard

aa

n.37 luglio 2011


Obraz, Dveri, Nasi: i movimenti sono tanti ma il credo politico è quello di sempre. Nella Serbia indifferente e apatica, la Corte costituzionale ha dichiarato illegale l’associazione di estrema destra Nacionalni Stroj (Fronte Nazionale). Un cambiamento di rotta con chi non aveva ancora fatto i conti con il passato?

Citare Eichmann è solo in apparenza una forzatura. Nei Balcani il tempo non scorre in manieralineare, qui si accartoccia e forma pieghe che si sovrappongono. Basta prendere un quotidiano di questi giorni (fine giugno 2011) e osservare come l’apertura sia dedicata alla ricerca dei resti di Draga Mihailovic, il capo dei cosiddetti “cetnici”, ovvero i partigiani monarchici e anticomunisti che furono eliminati dai titini subito dopo la vittoria sui nazisti.

Vent’anni fa, nelle regioni croate della Krajina, della Lika e della Slavonia, serbi e croati iniziarono a farsi la guerra. Le conseguenze del conflitto
pesano ancora su queste terre: villaggi fantasma, rivoluzioni demografiche, profughi mai rientrati e fabbriche abbandonate. Viaggio oltre le linee del fronte della guerra che ha ucciso la Jugoslavia.

Il capitalismo sta per finire: e adesso? Se lo chiede Slavoj Zizek, filosofo, sociologo e grande divulgatore di Lubiana, chiamato anche “philostar”, o “l’Elvis del pensiero filosofico”, per l’irruenza verbale, il look stazzonato e – citando un suo recensore, Davide Goldfuss – il “fascino felicemente inelegante e inattuale che trasuda per (pro)vocazione”.

 

La voce
dei Lettori

eastwest risponderà ogni settimana ai commenti sui social e alle domande inviate dai lettori. Potete far pervenire la vostra domanda usando il tasto qui sotto. Per essere pubblicati, i contributi devono essere firmati con nome, cognome e città Invia la tua domanda ad eastwest

GUALA