Tra fede e rivoluzione

Dopo due anni lo slancio della rivoluzione egiziana sembra al tramonto. E la minaccia dell’odio interconfessionale si abbattenuovamente sul Paese. Le difficoltà economiche e lo smarrimento identitario sono alla base degli scontri tra copti e musulmani.

Gli Zabbaleen sono noti al Cairo con il malizioso nomignolo di “popolo della spazzatura” che prende spunto dalla loro principale attività lavorativa, la raccolta dei rifiuti. Vivono nel quartiere di Mokattam, dove quasi il 90% degli Zabbaleen è di confessione copta.

Per continuare a leggere scarica il pdf gratuito.

Scrivi il tuo commento
@

Oppure usa i tuo profili social per commentare

GRAZIE

GUALA
GUALA