L'astensionista chiede altro

Stupore e sgomento. Il crollo della partecipazione alle ultime elezioni amministrative di maggio ha provocato ampi dibattiti sul significato da attribuire al “voto” di astensione italiano.

Alcuni osservatori ed esponenti politici, hanno lanciato l’ennesimo allarme democratico in un Paese che ha già conosciuto nel recente passato varie anomalie: quella di un miliardario, magnate delle televisioni, al vertice del potere per buona parte degli ultimi 20 anni e dell’ex-comico Beppe Grillo che, con il suo Movimento 5 stelle, è a capo del primo partito italiano (esclusi i voti degli Italiani all’estero).

 Per continuare a leggere, scarica il pdf gratuito.

Oppure usa i tuo profili social per commentare

GRAZIE

banner fest sidebarbanner fest unicredit

La voce
dei Lettori

eastwest risponderà ogni settimana ai commenti sui social e alle domande inviate dai lettori. Potete far pervenire la vostra domanda usando il tasto qui sotto. Per essere pubblicati, i contributi devono essere firmati con nome, cognome e città Invia la tua domanda ad eastwest

GUALA
GUALA