n.51 gennaio/febbraio 2014

EAST 51, in edicola dal 2 gennaio al nuovo prezzo di 8 euro, con un formato rinnovato e, soprattutto, con la direzione editoriale di James Hansen offre, sempre di più, contenuti di qualità, esclusivi, originali e sorprendenti sulla geopolitica globale.

EAST 51 introduce la sezione 'Diplomazia'. Le Relazioni Internazionali non sono più monopolio dei Ministeri degli Esteri e della diplomazia ufficiale, i 'nuovi diplomatici' - le ONG, le grandi banche, le multinazionali..- si
avvalgono di metodi meno accademici, forse meno polverosi...

Bill Emmott spiega in questo numero perchè la Crisi Economica non è questione di soldi.
L'Europa ha ancora problemi di Comunicazione, mentre la Mafia ha sviluppato un linguaggio a prova di bomba. Ma nel frattempo i Nuovi Pirati scorrazzano in un ambiente al di là del Bene e del Male.
La cittadinanza degli animali, la proprietà pubblica o privata nello spazio e l'indipendenza della Catalogna spiazzano la Diplomazia ufficiale.

E nel Dossier, si attraversa il Mare Aperto. Tre quarti del globo è ricoperto d'acqua e le Vie dell'acqua accelerano scambi e comunicazioni, favoriscono sviluppi e trasformazioni.

Singapore, Montevideo, Il Cairo e Damasco hanno molto da raccontare in questo numero. Un novello Dottor Stranamore si aggira tra l'Asia e Londra rendendo sempre più difficile l'arte di ridere con Allah. Ma per fortuna la Matematica Imperiale fornisce algoritmi antipanico.

ERRATA CORRIGE

L'articolo 'L'euro senza Europa', apparso su EAST 51, ha fatto erroneamente riferimento all'adozione della valuta europea nel 2014 da parte dell'Estonia. Il paese baltico in questione era invece la Lettonia.

La redazione di EAST

 

 

ARTICOLI SELEZIONATI

Leggi alcuni degli articoli di questo numero in versione integrale

TUTTI GLI ARTICOLI


East non è un settimanale e deve guardare al lungo periodo. 

Non è nostro compito correre dietro alla notizia del momento, quale  che sia la sua importanza. Detto questo, è difficile non restare colpiti  dal “compromesso” nucleare recentemente siglato tra l’Iran da una parte e  Stati Uniti, Gran Bretagna, Francia, Russia, Cina e Germania dall’altra. 

No comment

L’analisi dei movimenti della produzione di ricchezza nel mondo è contributo essenziale al dibattito sulla distribuzione del reddito all’interno delle singole società.

COMMERCIO TRA EUROPA E USA: DI NUOVO IN PISTA?

Dopo una breve pausa causata dai  problemi di Washington nel concludere  un accordo bipartisan su come alzare il  tetto del suo debito, da novembre, su  entrambe le sponde dell’Atlantico, si  riparla del tanto sollecitato accordo di  libero commercio. 

La ricerca dell’“elusiva perfezione” per i testi Ue è necessaria – ma restrittiva.

Robot umanoidi vivranno nelle nostre case e ci accudiranno prima di quanto si pensi.

La cittadinanza di massa per gli umani risale solo alla Rivoluzione francese. Ora siamo già arrivati agli animali.

Nei Balcani le banche centrali fanno da sé: il Kosovo e il Montenegro hanno adottato l’euro senza aderire all’Unione europea.

Nella ricca regione spagnola, una rivolta fiscale si è trasformata in un forte movimento secessionista che sfida il Governo.

La grigia e uggiosa Germania ha cinque volte i pannelli solari della Spagna.

Lo scandalo Datagate è la Waterloo morale d’America.

Petrolio, gas naturale e avidità alimentano tensioni nell’isola la cui riunificazione è ancora un miraggio.

I Turchi con le powerships, grandi generatori galleggianti, riforniscono di elettricità i paesi che ne sono privi o non ne hanno a sufficienza.

Un “like” su Facebook non può sostituire il coraggio.

Due ricercatori di Oxford dimostrano in che modo, tra Paesi come tra mafiosi, il ricatto reciproco sia fonte di unità.

I biglietti da visita formali permettevano a diplomatici e funzionari che si detestavano di mantenere una certa cordialità nei rapporti.

Se i diplomatici sono soldati che “fanno la guerra con altri mezzi” (il detto di von Clausewitz vale, sul piano logico, per entrambe le categorie) ne consegue che…

La rotta commerciale attraverso i ghiacci dell’Artico a nord della Russia si riapre con il riscaldamento terrestre ma richiede ancora molta audacia.

Hanno collaborato a questo numero:
Andrea Affaticati
Anne Allen
Ezio Arcangelo
Claudia Astarita
Emily Backus
Shyam Bhatia
Paolo Campana
James Christian
Pino Creanza
Peter de Vrai
James Fontanella Khan
Luis Foyle
Jean Gaumy
Mara Gergolet
Francesco Guarascio
Diletta Guidi
James Hansen
Tim Hindle
Andrew Jackson
Chris Jameson
Riccardo Liberatore
Maria-Paz Lopez
Aaron Maines
Giuseppe Mancini
Carmi Mazzucchi
Sonia Montrella
Stella Morgana
Mana Neyestani
Jacopo Pasotti
Matteo Patrono
Alberto Piccinini
Silvia Ragusa
Elisabeth Roman
Farian Sabahi
Tommaso Sacconi
Giulia Sbarigia
Giuseppe Scognamiglio
Alessandra Spalletta
Eric Sylvers
Marie-Noelle Terrisse
Cecilia Tosi
Alessandro Ursic
Boyd Van Hoeij
Stefano Vergine