eastwest challenge banner leaderboard

Ricchezze pubbliche e private

L’analisi dei movimenti della produzione di ricchezza nel mondo è contributo essenziale al dibattito sulla distribuzione del reddito all’interno delle singole società.

Il referendum svizzero di metà novembre  ha sancito che finanche il severo calvinismo  elvetico non ha considerato ragionevole  ridurre artificiosamente la differenza tra  la retribuzione minima e quella massima di  un’azienda a un rapporto di 1 a 12 (da 1 a oltre  200 che oggi caratterizza in media le grandi  aziende nei vari cantoni). 

La crisi ha certamente evidenziato limiti  anche di tenuta sociale nelle democrazie occidentali  e l’equilibrio retributivo, lungi dal costituire  un problema economico, va affrontato  con serietà e onestà intellettuale, provando a  conciliare esigenze contrapposte come l’accettabilità  sociale, da un lato, e la capacità di attirare  competenze e talenti dall’altro. Io non ho  ricette miracolose per individuare il rapporto  ideale tra retribuzioni medie ed apicali (e  credo sia sbagliato anche cercare soluzioni magiche,  avulse dal contesto), ma possiamo usare  lo spazio di questo articolo per provare ad allargare  la lente di osservazione e fornire elementi  utili sulla distribuzione della ricchezza  nel mondo, così da inquadrare correttamente  dibattiti come quello dal quale siamo partiti. 

Il 2013 è un anno cruciale: per la prima volta  da quando è partita la rivoluzione industriale  nel XIX secolo, la quota maggiore di beni e servizi  sarà stata prodotta dalle economie emergenti  le quali, secondo il Fondo Monetario  Internazionale, solo a metà anni Ottanta, detenevano  non più del 31% della ricchezza globale  (vedi schema 1). 

Tale rapporto evolverà nei decenni successivi  in modo progressivo: anni Novanta, emergenti  al 46% e avanzati al 54%; nel primo decennio  del terzo millennio, il rapporto si inverte  (67% contro 33%) e la forbice si divarica ancor  di più nella previsione del quinquennio che  stiamo vivendo (2012-17: 74% a 26%). 

Se spacchettiamo queste cifre, vediamo che  Usa e Cina cresceranno entrambe, portandosi,  nel 2017, alla metà delle quote, rispettivamente,  dei paesi avanzati ed emergenti (13,9% contro  33,6%), con l’India al 9,4%, i MIST a più del  7% e un’Europa occidentale “non pervenuta”! 

Per completare e commentare questi dati,  uso un affascinante studio di McKinsey (sche -  ma 2), che ha cercato di calcolare lo spostamento  del centro di gravità economico del pianeta, assumendo  di dare un peso ai singoli attori. Partendo  dal presupposto che all’anno zero il centro  economico di gravità terrestre fosse bilanciato  tra Europa e Cina, esso avrebbe dovuto trovarsi  più o meno nell’odierno Pakistan. 

Il cambio più drammatico si è avuto quando  l’Europa e il Nord America hanno dato luogo al  loro processo di industrializzazione e il baricentro  si è spostato in un punto dell’Atlantico del  Nord, pressappoco al di sopra dell’Islanda. Oggi,  con il ritorno sulla scena della Cina, il centro di  gravità è nel nord della Siberia ed è previsto che  ritorni quasi dov’era duemila anni fa, tra 15 anni.   

Nel 2030, due terzi della classe media mondiale risiederà nelle regioni asiatiche e del Pacifico, mentre Stati Uniti ed Europa, che oggi annoverano più della metà della classe media globale, vedranno ridurre tale proporzione a un preoccupante 21% fra 17 anni (schema 3).

La nostra riflessione deve integrare a questi freddi (ma non insignificanti) numeri quelli che molti analisti definiscono i “sette pilastri della saggezza occidentale”: libero mercato, scienza e tecnologia, meritocrazia, pragmatismo, cultura della pace, primato della legge, istruzione. L’OCSE, nel suo Skills Outlook Report di poche settimane fa, ha osservato che esiste una forte correlazione tra accesso a Internet e competenze matematiche da una parte, e potenziale di crescita di un paese, dall’altra. I paesi con minore accesso a Internet sono quelli che hanno sofferto di più la crisi e faticano a uscirne.

Lo storico britannico John Glubb identifica, in un suo libro del 1978, gli indicatori del declino degli Imperi: individualismo; pessimismo dilagante tra gli intellettuali; stato sociale diffuso e insostenibile che crea dipendenza e pigrizia; incapacità – che accomuna persone comuni e leader – a ricercare e individuare soluzioni ai problemi.

Ancora una volta, noi Europei non possiamo evitare la responsabilità di giocare un ruolo (pena la nostra stessa dissolvenza) nell’identificare un nuovo modello di società che renda compatibili crescita e solidarietà, meritocrazia ed equilibrio sociale, spirito di sacrificio e obiettivi collettivi. Solo in questo modo, possiamo tornare protagonisti e punto di riferimento per le società emergenti e per i grandi investitori internazionali, continuando a produrre cultura, innovazione, commercio e lavoro.

Scrivi il tuo commento
@

Oppure usa i tuo profili social per commentare

GRAZIE

banner fest sidebarbanner fest unicredit

La voce
dei Lettori

eastwest risponderà ogni settimana ai commenti sui social e alle domande inviate dai lettori. Potete far pervenire la vostra domanda usando il tasto qui sotto. Per essere pubblicati, i contributi devono essere firmati con nome, cognome e città Invia la tua domanda ad eastwest

GUALA