eastwest challenge banner leaderboard

Albanesi e Serbi viaggiano senza visti nell’Ue, i Turchi no

Indietro

La Turchia aveva rallentato la liberalizzazione dei visti a causa dell’immigrazione clandestina in Europa.

Nel settembre 1980, i generali turchi hanno invaso le strade di Ankara e Istanbul con i loro carri armati, arrestando centinaia di migliaia di persone, abolendo i partiti politici e imponendo una costituzione tuttora in vigore.

Uno spiacevole retaggio di questi accadimenti permane ancora: temendo un massiccio esodo dalla Turchia, alcune nazioni europee hanno reso obbligatorio il visto per i cittadini turchi. Prima del colpo di stato, i Turchi potevano recarsi in Germania, Francia o Olanda senza visto. Dopo no.

Oltre tre decenni sono passati e la gestione delle frontiere e la libertà di movimento all’interno del continente europeo hanno subito un cambio epocale.

Se vuoi leggerlo tutto, acquista il numero in pdf per soli 3 euro.

La voce
dei Lettori

Eastwest risponderà ogni settimana ai commenti sui social e alle domande inviate dai lettori. Potete far pervenire la vostra domanda usando il tasto qui sotto. Per essere pubblicati, i contributi devono essere firmati con nome, cognome e città. Invia la tua domanda a eastwest

GUALA