eastwest challenge banner leaderboard

Cibo & cultura - Dimmi in chi credi e ti dirò cosa mangi

Fede e cibo, un connubio che risale all’alba dei tempi.

 

Numerose regole alimentari religiose guidano i fedeli di gran parte del pianeta nella pratica più radicata della vita quotidiana: preparare e consumare i pasti. Questo antico connubio fra cibo e religione poggia su un sistema complesso di ragioni e convinzioni, basato sull’analogia fra il nutrimento terreno e quello spirituale, fra la purezza di ciò che viene ingerito e quella dell’anima.

Molte religioni classificano i cibi in leciti e vietati. Seguendo il principio di ahimsa, la non-violenza, buddisti e induisti non devono uccidere animali e sono quindi vegetariani. Gli ebrei devono mangiare kosher, astenersi da alcuni alimenti fra i quali il maiale, ma anche seguire regole articolate di preparazione del cibo.

I musulmani possono mangiare soltanto cibo halal (lecito) e devono rispettare non pochi divieti (haram), che vedono al primo posto il maiale e l’alcool. Se il cristiano gode di una grande libertà, molti cattolici rispettano l’astensione dalla carne tutti i venerdì dell’anno e il Mercoledì delle Ceneri.

Se vuoi leggerlo tutto, acquista il numero in pdf per soli 3 euro.

Scrivi il tuo commento
@

La voce
dei Lettori

eastwest risponderà ogni settimana ai commenti sui social e alle domande inviate dai lettori. Potete far pervenire la vostra domanda usando il tasto qui sotto. Per essere pubblicati, i contributi devono essere firmati con nome, cognome e città Invia la tua domanda ad eastwest

GUALA