Gli eredi di Fu Manchu

Prospera in tutto il mondo la mafia cinese, più agguerrita e occulta che mai.

Una conseguenza della devastante crisi finanziaria che affligge le economie occidentali dal 2008 è la minore attenzione che i governi europei rivolgono al crimine organizzato su scala transnazionale e al suo impatto sulla sicurezza. L’ascesa della mafia cinese in particolare rappresenta una seria minaccia sia per la Cina che per quei paesi che ospitano comunità di emigrati cinesi.

In Cina, la mafia è all’attacco. Se l’economia è cresciuta a un tasso dell’8% annuo, la mafia è andata ancora meglio, visto l’aumento del 17% delle inchieste penali. Non sempre è stato così. Ai tempi di Mao, una feroce campagna durata tre anni spazzò via il crimine organizzato. Nel 1953 i pochi criminali superstiti fuggirono a Hong Kong, Taiwan, Macao e all’estero.

Sono tornati 30 anni dopo per le opportunità offerte dall’economia di mercato socialista di Deng, che ha schiuso le porte della Cina a merci e servizi sia leciti che illeciti. Sebbene la polizia cinese intervenga periodicamente contro la criminalità spicciola, poco viene fatto contro i gruppi più sofisticati e protetti da una forza di polizia, un sistema giudiziario e amministratori locali corrotti.  

Se vuoi leggerlo tutto, acquista il numero in pdf per soli 3 euro.

 

ARTICOLI CORRELATI

Oppure usa i tuo profili social per commentare

GRAZIE

banner fest sidebarbanner fest unicredit

La voce
dei Lettori

eastwest risponderà ogni settimana ai commenti sui social e alle domande inviate dai lettori. Potete far pervenire la vostra domanda usando il tasto qui sotto. Per essere pubblicati, i contributi devono essere firmati con nome, cognome e città Invia la tua domanda ad eastwest

GUALA
GUALA