Cibo&cultura - Marciare sullo stomaco

Razioni da combattimento, il carburante della guerra.

“Un esercito marcia sul suo stomaco”, avrebbe detto Napoleone. Due secoli dopo, progettare razioni da combattimento è diventata una sfida dietetica e logistica che richiede continue ricerche e tecnologie sempre più sofisticate.

“Le razioni devono assicurare un apporto calorico giornaliero sufficiente – cioè, secondo la Nato Response Force, 3.600 kcal per normali operazioni e 4.900 in combattimento – con una corretta ripartizione percentuale dei micronutrienti”, spiega il Capitano di vascello Alessandro Pini, esperto di alimentazione militare e rappresentante italiano nel gruppo di lavoro della Nato.

“Ma entrano in gioco altri fattori – prosegue l’ufficiale – come la cosiddetta ‘palatabilità’, oltre al fatto che le razioni devono essere facilmente digeribili e semplici da utilizzare. Infine bisogna tener conto di variabili più soggettive: quando sei lontano da casa e non sai se e quando tornerai, il pasto è un momento di fortissima aggregazione sociale”.

Se vuoi leggerlo tutto, acquista il numero in pdf per soli 3 euro.

 

Scrivi il tuo commento
@

Oppure usa i tuo profili social per commentare

GRAZIE

GUALA
GUALA