Urumqi, la più grande metropoli sconosciuta

Torna a prosperare dopo mille anni la capitale dell’Asia centrale.

È al mondo la città più lontana dal mare e per secoli la sua posizione geografica l’ha resa periferica. Ma sull’onda dell’ascesa economica cinese, Urumqi sta ora ritrovando la rilevanza che aveva ai tempi della “Via della seta” come crocevia dell’Asia centrale.

Oggi è il perno dell’espansione geopolitica di una Cina che vede nel suo scarsamente popolato Nord-Ovest lo “spazio vitale” necessario per alimentare il suo boom e consolidarsi come potenza mondiale.

La capitale dello Xinjiang – una landa desolata grande cinque volte l’Italia ma con solo 22 milioni di abitanti – aveva un carattere cosmopolita già quando ci transitavano le carovane che collegavano l’Europa, il Medio Oriente e l’Impero di mezzo.

Se vuoi leggerlo tutto, acquista il numero in pdf per soli 3 euro.

Scrivi il tuo commento
@

Oppure usa i tuo profili social per commentare

GRAZIE

Lettere
al Direttore

Giuseppe Scognamiglio risponderà ogni settimana a una lettera inviata dai lettori. Potete far pervenire la vostra lettera via email usando il tasto qui sotto. Per essere pubblicati, i contributi devono essere firmati con nome, cognome e città Invia la tua lettera
al direttore

GUALA
GUALA