L’Effetto Asburgo

Un buon ricordo del “Vecchio Impero” agevola i rapporti con le banche nell’Europa dell’Est.

L'idea di una "genealogia del potere", tema caro a Nietzche, riscuote rinnovato interesse grazie a recenti studi sull'influenza dei patrimoni ereditari, come nel best seller di Thomas Pinketty Il capitale nel XXI secolo, e in varie ricerche sulla tenace sopravvivenza dei cognomi illustri.

Nella storia finanziaria, la geografia è un fattore altrettanto determinante. L'impero asburgico, o meglio l'Impero Austro-ungarico, fornisce una sorta di laboratorio ora che grandi porzioni di questa passata entità politica multietnica sono riunite nell'Unione Europea, impegnate ad adottare una moneta unica nel futuro – un esempio di come la prossimità geografica favorisce la convergenza.

La geografia può giocare anche brutti scherzi, se intesa come semplice topografia del mondo in un atlante. Comunque, il modo in cui le banche dell'Eurozona – che spesso usano Vienna come centro regionale – diffondono la loro influenza e i loro prestiti in Europa centrale e orientale, riproduce schemi del passato.

Se vuoi leggerlo tutto, acquista il numero in pdf per soli 3 euro.

Scrivi il tuo commento
@

Oppure usa i tuo profili social per commentare

GRAZIE

banner fest sidebarbanner fest unicredit

La voce
dei Lettori

eastwest risponderà ogni settimana ai commenti sui social e alle domande inviate dai lettori. Potete far pervenire la vostra domanda usando il tasto qui sotto. Per essere pubblicati, i contributi devono essere firmati con nome, cognome e città Invia la tua domanda ad eastwest

GUALA
GUALA