eastwest challenge banner leaderboard

Le megalopoli vanno a picco

Le megacities sprofondano sotto il proprio peso eccessivo.

La migrazione dalle campagne verso le città, soprattutto costiere, è un evento epocale. Secondo le Nazioni Unite il 44% della popolazione vive infatti entro 150 chilometri dalla costa. Ogni anno circa 15 milioni di persone decidono di lasciare i campi e stabilirsi in città. Si fugge verso il mare ma anche di lì il futuro è preoccupante.

Da quando nel 2007 il baricentro della popolazione umana si è spostata dalle campagne alle città, il contatore ha preso a salire vertiginosamente. Le aree urbane occupano solo il 4% della superficie terrestre ma “accomodano più del 50% della popolazione umana, usano tre quarti delle risorse naturali terrestri, e ne producono altrettanti di rifiuti e inquinamento”, scrive Mobarak Khan della Bielefeld University (Germania) che ha pubblicato sulla rivista Public Health un allarmante studio sulla salute dei migranti a Dhaka, in Bangladesh. La situazione è infatti critica soprattutto in Asia, dove più della metà della popolazione ora abita in città.

Le città crescono, in altezza ed estensione. Si parla di megacittà, megacities, come vengono chiamate: singoli continenti urbani popolati da più di 10 milioni di abitanti. Secondo le Nazioni Unite erano solo 3 nel 1975, oggi sono 28 (ma forse 30, mancando dati certi per Lahore e Kinshasa). In testa le gigantesche Tokyo-Yokohama e Jakarta.

Se vuoi leggerlo tutto, acquista il numero in pdf per soli 3 euro.

Scrivi il tuo commento
@

Oppure usa i tuo profili social per commentare

GRAZIE

La voce
dei Lettori

eastwest risponderà ogni settimana ai commenti sui social e alle domande inviate dai lettori. Potete far pervenire la vostra domanda usando il tasto qui sotto. Per essere pubblicati, i contributi devono essere firmati con nome, cognome e città Invia la tua domanda ad eastwest

GUALA