eastwest challenge banner leaderboard

Marcos, la morte virtuale di un mito “No Global”

Un po’ impostore e un po’ rivoluzionario, il Subcomandante del Chiapas appende passamontagna e “ologramma”.

Quando nella notte del 25 maggio inizia a pronunciare le parole - poetiche e melanconiche - del suo lungo discorso su Radio Insurgente, non ci si aspettava che il mitico Subcomandante Marcos avrebbe annunciato la sua morte. E tantomeno la sua rinascita.
 
Solo il giorno prima, il leader messicano dell’Esercito Zapatista di Liberazione Nazionale (EZLN) era riapparso in pubblico dopo cinque anni di silenzio: a cavallo, passamontagna nero e pipa in bocca, l’occhio destro coperto da una benda da pirata con l’effige di un teschio.

Era apparso per onorare la morte del compagno Galeano, militante e maestro di una Escuelita Zapatista, o Piccola Scuola Zapatista, ucciso a colpi di fuoco e di machete da gruppi paramilitari alcune settimana prima. Poche ore dopo la cerimonia d’addio a Galeano, annunciando anche la morte di Marcos, il Subcomandante si ribattezza con l’identità dell’amico perduto.

Se vuoi leggerlo tutto, acquista il numero in pdf per soli 3 euro.

Scrivi il tuo commento
@

La voce
dei Lettori

Eastwest risponderà ogni settimana ai commenti sui social e alle domande inviate dai lettori. Potete far pervenire la vostra domanda usando il tasto qui sotto. Per essere pubblicati, i contributi devono essere firmati con nome, cognome e città. Invia la tua domanda a eastwest

GUALA