Quando avevamo anche noi i nostri guerrillas

I movimenti indipendentisti europei, per fortuna, sono diventati “soft”.

Il 18 settembre gli scozzesi voteranno il referendum per decidere se rimanere parte del Regno Unito. L'esito è incerto, ma se decideranno di andare per la propria strada, la Gran Bretagna non sarà più, almeno formalmente, "Grande" perché l'appellativo è per l'appunto entrato in uso 300 anni fa per descrivere la "Gloriosa Unione" delle corone di Scozia e Inghilterra.

Il 9 novembre, la Catalogna dovrebbe votare il proprio referendum sull'indipendenza dalla Spagna, un paese di cui è parte per un verso o per l'altro dal 15° secolo, quando il matrimonio tra Re Ferdinando di Aragona e la Regina Isabella di Castiglia unì i due reami.

Se e come esattamente questo possa avvenire ancora non è chiaro. Mentre il Presidente Catalano Artur Mas si ostina a tenere il referendum, al momento che East va in stampa il governo spagnolo rifiuta di riconoscere la validità della consultazione e perfino l'esistenza di un diritto catalano all'autodeterminazione.

Comunque vada, una violenta guerra civile è da escludere.

Se vuoi leggerlo tutto, acquista il numero in pdf per soli 3 euro.

Scrivi il tuo commento
@

Oppure usa i tuo profili social per commentare

GRAZIE

GUALA
GUALA