Dum Romae consulitur…

Mentre a Kabul si discute, come scrisse Tito Livio di Roma, l’Afghanistan cade.

Come resta attuale la storia! Non si può fare a meno di pensarlo allorché si guarda a quanto sta avvenendo in Afghanistan. Dopo circa un decennio, un’operazione che era iniziata come azione di peacekeeping ma che in breve tempo ha subìto impennate che l’hanno trasformata in peace-enforcing, se non in vera e propria occupazione militare, i soldati della NATO e americani stanno progressivamente lasciando il paese.

Alcuni paesi se ne andranno del tutto, come gli Stati Uniti, con cui l'Afghanistan non è riuscito a raggiungere un accordo sulla giurisdizione in merito ai reati commessi in territorio afghano dai GIs americani. Altri, e fra questi purtroppo anche l’Italia, rimarranno con un nutrito gruppo di istruttori incaricati di elevare lo standard di addestramento e operatività dei militari e dei poliziotti del paese. Decisione, e funzione, che comporteranno un costante rischio di sanguinoso coinvolgimento in quelle lotte intestine che neanche la vigile presenza di più di centomila soldati stranieri è mai riuscita a far cessare.

Forse quella della Alleanza Atlantica e degli Stati Uniti non è una sconfitta. O perlomeno se di sconfitta si tratta è più una sconfitta politica che militare. I soldati hanno fatto il loro dovere, combattendo bene allorché necessario e sopportando ogni disagio con silenziosa disciplina. La presenza straniera in Afghanistan è però riuscita a conseguire nei pur lunghi anni di durata dell’operazione soltanto una minima parte degli obiettivi che si proponeva. E che si sono nel tempo rivelati troppo ambiziosi per lo sforzo che le nostre opinioni pubbliche e le nostre forze politiche sono state disposte a dedicare a quel lontano paese.

Se vuoi leggerlo tutto, acquista il numero in pdf per soli 3 euro.

Scrivi il tuo commento
@

Oppure usa i tuo profili social per commentare

GRAZIE

banner fest sidebarbanner fest unicredit

La voce
dei Lettori

eastwest risponderà ogni settimana ai commenti sui social e alle domande inviate dai lettori. Potete far pervenire la vostra domanda usando il tasto qui sotto. Per essere pubblicati, i contributi devono essere firmati con nome, cognome e città Invia la tua domanda ad eastwest

GUALA
GUALA