È tornato il Califfato o no?

Un triste fantasma politico rispunta dopo 700 anni per coprire ferocia e brutalità.

Quando, nel 2014, lo Stato Islamico dell’Iraq e della Grande Siria (ISIS) ha proclamato la propria autorità religiosa, come Califfato, sui musulmani del mondo – e Abu Bakr al-Baghdadi, Califfo – ha evocato radici profonde della storia islamica.

L’istituto prese forma alla morte di Maometto nel 632: il Profeta aveva creato uno stato basato sulla religione comune nella penisola arabica, assegnando a un gruppo di Anziani della Medina il compito di designare un leader politico, suo “vicario e successore” (in Arabo khalifā).

Appena eletto, Abū Bakr, suocero del Profeta, adottò il titolo di khalifat rasul Allah (Successore del Messaggero di Dio), segnando l’inizio della cosiddetta epoca d’oro della purezza islamica. I primi 4 califfi - Abū Bakr, ‘Umar, ‘Uthmān’ e ‘Alī – chiamati rāshidūn (“retti”), predisposero l’organizzazione amministrativa e giudiziaria della comunità musulmana.

Se vuoi leggerlo tutto, acquista il numero in pdf per soli 3 euro.

Scrivi il tuo commento
@

Oppure usa i tuo profili social per commentare

GRAZIE

banner fest sidebarbanner fest unicredit

La voce
dei Lettori

eastwest risponderà ogni settimana ai commenti sui social e alle domande inviate dai lettori. Potete far pervenire la vostra domanda usando il tasto qui sotto. Per essere pubblicati, i contributi devono essere firmati con nome, cognome e città Invia la tua domanda ad eastwest

GUALA
GUALA