n.57 gennaio/febbraio 2015

Il nuovo numero di East è in edicola, in libreria e in digitale a partire dal 1 gennaio.
Ebola viene da lontano, una testimonianza dall'Africa dei Medici Senza Frontiere. Allo studio i vaccini e le terapie. L'impatto sociale e economico del virus in Africa occidentale.

Europa: l'Irlanda dopo la crisi, l'oro nero in Groenlandia, la sfortuna non risparmia gli Windsor d'Inghilterra. L'esercito tedesco è in ritirata mentre nei Balcani si vendono servizi militari, ma contro l'Isis la guerra è culturale. L'Ucraina naviga decisa verso ovest, mentre la Francia tira a campare. L'Italia dà voce a una campagna mondiale contro la violenza sulle donne e nel frattempo si attende la comparsa dell'autentico avvocato europeo.

Storie: l'avventurosa origine e sperimentazione dei vaccini, il re di Spagna e il dottor Balmis. La Casa Bianca, gabbia dorata per leader inquieti.

Mondo: una mappa degli eserciti che si contendono la Libia abbandonata. Mentre l'Oman esprime l'islam tollerante, Tehran non cambia la sua strategia nucleare.

Alibaba conquista i computer del mondo ma è anche la porta per conquistare il mercato cinese. Gioca d’anticipo il Dalai Lama, non si reincarnerà sotto la bandiera cinese.

Quante sono le vittime dei droni della CIA, la resurrezione dell’Indonesia dopo lo tsunami di dieci anni fa. Avete mai giocato a Kabaddi e Sepaktakraw? La neutralità della rete è una chimera, come l’innata bontà dell’uomo, lo dice la scienza.

Nel Dossier: crimini e criminali di varie tipologie, persone fisiche, giuridiche, autorità, istituzioni ed enti sovrani. A ognuno la sua pena e la sua espiazione.

A proposito, avete rubato niente in un negozio ultimamente….?

ARTICOLI SELEZIONATI

Leggi alcuni degli articoli di questo numero in versione integrale

TUTTI GLI ARTICOLI


Sommario

L’isola più grande del mondo ha sempre esercitato un forte fascino. I paesaggi groenlandesi sono mozzafiato, ma non è certo per le sue bellezze che oggi la Groenlandia attira l’interesse globale. A contare sono le sue risorse naturali, potenzialmente enormi.

Un re sempliciotto e confuso, ossessionato dalla caccia, ha finanziato la prima campagna globale di immunizzazione.

Hai rubato in un negozio ultimamente?

No comment

Un disastro naturale ha portato la pace e, per ora almeno, un po’ di futuro.

Il 24 ottobre si è tenuta a Bruxelles la IX edizione di East Forum: sul rilancio della crescita attraverso la promozione del talento e dell’imprenditoria.

È fondamentale frenare la propaganda jihadista su Internet e i social network.

Un cioccolataio belga ha cambiato nome da Isis Chocolates a Libeert per evitare involontarie associazioni con lo Stato islamico dopo che le vendite sono precipitate a seguito dell’ondata di decapitazioni.

Libere elezioni confermano l’orientamento europeo.

Più che un campo di battaglia, il Paese nordafricano è una scacchiera.

Un testimone esperto riferisce di un’epidemia senza precedenti moderni.

Non possiamo permetterci uno Stato fallito sulle coste del Mediterraneo.

La neo-quotata Alibaba vale più di Facebook.

Lo spazio per procedere a Vienna c’era, ma il “momento magico” è stato sprecato. Il prossimo appuntamento a fine giugno 2015.

Addio e benvenuto - Il lungo addio di Jose Manuel Barroso e l’interminabile subentro di Jean Claude Juncker hanno distolto l’attenzione da una semi rivoluzione nelle istituzioni dell’UE e nella Commissione.

Ma le cicatrici della sua crisi sono lente a scomparire.

Gli ingenti investimenti cinesi in Russia sostituiscono quelli europei.