n.59 maggio/giugno 2015

MIRACOLO A MILANO
Il nuovo numero di East è in edicola, in libreria e in digitale dal 1 maggio.

Copertina

Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita, a Milano un esercizio di cittadinanza globale.

Ma anche un’Expo delle Imprese, opportunità unica di business matching. Le ricadute economiche dell’Esposizione universale.

Europa

Non uniti ma non divisi, l’azione parallela Merkel/Draghi si fa più concreta e SuperMario acquista sempre più fisionomia politica.

Il Regno Unito senza centro di gravità rischia la frantumazione elettorale.

Sulle montagne russe, l’Ucraina corre verso il default come verso una luce e il rublo in picchiata porta Putin alle stelle.

Mentre il tandem greco arranca, la domanda horror è ‘e se tornassero….’? (le valute nazionali)

Mondo

La nuova diplomazia e intelligence digitali puntano alla narrativa, una suggestiva controinformazione per disinnescare la propaganda jihadista sul web.

Ma non è tanto semplice, Boko Haram: terrorismo islamico o insurrezione tribale?

In epoca di transizione, si combatte con Twiplomacy ma anche con il petrolio saudita e con i kalashnikov curdi.

Dossier

Un sondaggio online esteso a sei diverse aree geografiche ricostruisce l’attuale immagine dell’Italia nel mondo. Positiva più in Oriente che in Europa. Innamorati i russi, tiepidi gli inglesi. Affascinati gli asiatici e gli americani, la Grande Bellezza colpisce ancora ma non acceca i critici.

ARTICOLI SELEZIONATI

Leggi alcuni degli articoli di questo numero in versione integrale

TUTTI GLI ARTICOLI


Sommario

Abbiamo dedicato la copertina di questo numero all’Expo universale di Milano, perché è uno di quegli eventi che catalizza l’attenzione dell’opinione pubblica globale per i sei mesi della sua durata e apre i suoi battenti oggi, primo giorno di presenza in edicola del nostro n° 59!

L’Ue è sempre più superMario-dipendente.

Le Esposizioni universali del XXI secolo sono appuntamenti spazio-temporali, accelerano gli incontri, gli scambi e la scoperta di interessi comuni.

Eventi internazionali della durata di 6 mesi le Esposizioni universali sono manifestazioni di natura non commerciale, mirate a creare una piattaforma per un dialogo internazionale tra i cittadini, i paesi e le istituzioni intorno a un tema d’attualità e d’interesse universale.

Il Continente nero rappresenta un terzo dei paesi presenti e sbarca a Milano con un carico destinato a nutrire l’intero pianeta.

Cosa succede quando finisce un’Expo? La domanda forse un po’ retorica ha avuto negli anni implicazioni che hanno trasformato la quotidianità di molte città e l’immaginario collettivo.

Il vicepresidente del China Corporate United Pavilion mette a confronto il metodo di lavoro cinese con quello italiano.

Intervista all’architetto Michele De Lucchi, autore del progetto Pavilion, inaugurato in contemporanea all’Expo .

I bonus dei banchieri - Le norme che vietano ai banchieri di assumere rischi eccessivi per ottenere bonus più alti saranno aggiornate per eliminare scappatoie.

L’Europa è sempre più nell’occhio del ciclone. Le crisi interne ed esterne si susseguono: dal futuro della Grecia nell’eurozona al conflitto in Ucraina fino alle politiche da perseguire per contrastare il fenomeno dei cosiddetti foreign fighters. La rassegna dei seguenti fact-checking rende bene l’idea. 

Valutazioni sulla politica estera europea.

Merkel e Draghi: strana coppia ben assortita. Affinità di stile e rispetto reciproco nello scontro. Archetipo di leadership possibile?

S’invoca più sicurezza a discapito della privacy dei cittadini. Il rischio della sorveglianza di massa.

Cinque le fazioni politiche che si contendono il podio del Regno Unito.

Il terrorismo islamico non è un fronte internazionale unitario, va studiato nella storia dei diversi territori dove viene agitata la sua bandiera nera.

Le politiche pubbliche sono l’elemento unificante di una democrazia incrinata dalla sfiducia. Il neo Presidente punta sui cittadini.