Il Mekong, un fiume da condividere

I progetti idrici del Laos minacciano la fragile economia cambogiana basata sulle inondazioni del Mekong.

“L’ apparenza inganna”, diceva il Buddha ai suoi discepoli invitandoli a guardare oltre l’aspetto effimero delle cose. Forse non con la stessa profondità spirituale, ma certo con lungimirante pragmatismo, i contadini e pescatori del Tonlé Sap hanno affrontato nei secoli le inondazioni del lago intorno al quale vivono, che per circa sei mesi l’anno trasforma le loro case in barche e i campi in sconfinate distese d’acqua.

L’apparenza effimera li fa sembrare alluvionati, ma la realtà è che quelle acque sono un perfetto fertilizzante e, quando si ritirano, lasciano spazio a generose risaie dove sguazzano miriadi di pesci.

Il Tonlé Sap è un miracolo della natura. È un lago, ma è un anche un fiume. Da novembre a maggio, le sue acque confluiscono nel poderoso Mekong che taglia in due la Cambogia per poi sfociare nel Mar di Cina Meridionale. Ma da giugno a ottobre, con la stagione delle piogge, il Mekong diventa talmente impetuoso che le consuete vie della natura non gli sono più sufficienti. 

Se vuoi leggerlo tutto, acquista il numero in pdf per soli 3 euro.

Scrivi il tuo commento
@

Oppure usa i tuo profili social per commentare

GRAZIE

GUALA
GUALA