eastwest challenge banner leaderboard

Un mix ancora molto esplosivo

Dopo il ritiro Usa, è tornato il regno del caos. Talebani, polizia e forze armate sono uno contro l’altro.

La situazione in Afghanistan è più magmatica e instabile che mai. Al momento in cui scriviamo, la successione di Akhtar Mansour alla guida dei talebani dopo la morte del mullah Omar ha diviso il gruppo tra i sostenitori di Mansour e quelli di Abdul Manan, fratello del precedente leader. La risoluzione o meno di questa spaccatura sarà decisiva per il processo di pace con Kabul. A inizio luglio il Pakistan aveva ospitato un meeting di alto livello tra le due parti. Ma l’annuncio ufficiale della morte del mullah Omar, alla fine dello stesso mese, ha segnato una forte battuta d’arresto. Ciò che invece non si ferma, in Afghanistan, è la violenza. Secondo le Nazioni Unite, i primi 6 mesi del 2015 hanno visto un aumento del numero di vittime civili rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Quasi 1600 persone sono morte e altre 3329 sono rimaste ferite. Lo conferma Graeme Smith, analista dell'International crisis group a Kabul. “C'è molta più violenza ora che prima dell'intervento occidentale, il conflitto sta peggiorando. Il numero delle vittime tra i civili e le forze di sicurezza afgane ha battuto tutti i record nei primi 6 mesi di quest’anno, e lo stesso vale per gli attacchi dei talebani”.

Se vuoi leggerlo tutto, acquista il numero in pdf per soli 3 euro.

Scrivi il tuo commento
@

Oppure usa i tuo profili social per commentare

GRAZIE

La voce
dei Lettori

eastwest risponderà ogni settimana ai commenti sui social e alle domande inviate dai lettori. Potete far pervenire la vostra domanda usando il tasto qui sotto. Per essere pubblicati, i contributi devono essere firmati con nome, cognome e città Invia la tua domanda ad eastwest

GUALA