Il sudoku spagnolo

Il Paese iberico dopo le ultime elezioni attraversa una fase inedita nella sua recente storia. Una “nuova politica” avviata verso un pluralismo impensabile per la generazione nata con il franchismo.

Da qualche settimana regna un caos calmo in Spagna. Per la verità, neanche tanto calmo. Il quadro politico emerso dalle elezioni politiche dello scorso 20 dicembre offre l'immagine di un paese frammentato, confuso e ingovernabile. La frase citata fino allo sfinimento nell'ultimo periodo è quella dell'ex premier Felipe González. "Stiamo andando verso un'Italia senza italiani", disse in tempi non sospetti prima che si aprissero le urne. La sua allusione era chiara: il parlamento di Madrid, di fronte all'impossibilità di garantire solide maggioranze, produrrà governi instabili, coalizioni fragili ma senza l'abile arte del compromesso (o trasformismo) del politico italiano, disposto spesso a rimangiarsi i suoi principi pur di dar vita a esecutivi di breve durata.

In un certo senso la profezia di González si è avverata. Le ultime elezioni politiche hanno prodotto un arcobaleno di formazioni di diverso colore e ideologie senza un chiaro vincitore. Popolari e socialisti, che hanno dominato la scena per quasi 40 anni, sono una minoranza. Ricapitoliamo. Il Partido Popular del premier uscente Mariano Rajoy ha ottenuto la maggioranza dei seggi, 123. Ma è insufficiente per governare. Ha perso piú di 3 milioni di voti.

Il Partido Socialista (PSOE) ha ottenuto il peggior risultato della sua storia. Con 90 seggi, ha limitato i danni ma ha resistito nell'Andalusia e nelle regioni rurali.

Ha perso nelle grandi città e in Catalogna, superato da Podemos, la formazione di sinistra radicale di Pablo Iglesias che strizza l'occhio a Syriza, allo spirito degli Indignados e all’autodeterminazione dei catalani. Infine, è emerso un terzo incomodo: Ciudadanos di Albert Rivera, una formazione liberale appoggiata dalle grandi imprese e dal gotha economico internazionale. Quattro non vincitori.

Se vuoi leggerlo tutto, acquista il numero in pdf per soli 3 euro.

Scrivi il tuo commento
@

Oppure usa i tuo profili social per commentare

GRAZIE

banner fest sidebarbanner fest unicredit

La voce
dei Lettori

eastwest risponderà ogni settimana ai commenti sui social e alle domande inviate dai lettori. Potete far pervenire la vostra domanda usando il tasto qui sotto. Per essere pubblicati, i contributi devono essere firmati con nome, cognome e città Invia la tua domanda ad eastwest

GUALA
GUALA