L’effetto “mani pulite”

È arrivato il momento di ristabilire la pace, unire il Paese e ricostruirne l’economia. Questi gli obiettivi del nuovo Presidente, Michel Temer.

Un’operazione anti-corruzione senza precedenti; e la più grande crisi della storia repubblicana del Brasile. Lava-Jato e impeachment:

Giudiziario ed Esecutivo, due mondi distanti capaci d’influenzarsi senza esclusione di colpi. Nel mezzo di questa lotta, la presenza ingombrante di tanti attori: alleati di governo, collaboratori di giustizia, imprenditori e mediatori. Tutti, in misure e tempi differenti, sensibili al fascino della corruzione. Un virus silenzioso che negli anni ha logorato il gigante sud-americano, restituendogli quei “piedi d’argilla” che sembravano scomparsi. Nel 2010, il Pil cresceva a un ritmo del 7,6%, mentre per il 2016 il FMI prevede una contrazione del 3,88%. Secondo alcuni analisti si potrebbe arrivare fino al 4%. Cambiano governi e ministri, ma le richieste dei cittadini brasiliani − sanità ed educazione pubblica di qualità − restano le stesse. Inoltre, rispetto al passato, c’è da ritrovare quella “coesione nazionale”, a cui Michel Temer − Presidente ad interim − ha fatto riferimento nei primi istanti del suo mandato. La polarizzazione politica ha accentuato il solco fra le classi sociali. Il risultato? Un Paese che s’identifica negli eroi della magistratura, condannando la propria classe politica.

Se vuoi leggerlo tutto, acquista il numero in pdf per soli 3 euro.

Scrivi il tuo commento
@

Oppure usa i tuo profili social per commentare

GRAZIE

banner fest sidebarbanner fest unicredit

La voce
dei Lettori

eastwest risponderà ogni settimana ai commenti sui social e alle domande inviate dai lettori. Potete far pervenire la vostra domanda usando il tasto qui sotto. Per essere pubblicati, i contributi devono essere firmati con nome, cognome e città Invia la tua domanda ad eastwest

GUALA
GUALA