eastwest challenge banner leaderboard

I nuovi volti del potere

Indietro

Il 18 settembre le elezioni per la nuova Duma. Alle urne anche la Crimea. Tutti i partiti hanno presentato candidati nuovi e giovani.

Il 18 settembre i russi andranno alle urne per eleggere i membri della Duma, il Parlamento russo. Gli elettori sono ben 111 milioni, mentre gli eletti saranno 450. Con questa tornata elettorale si presenta qualche novità: per la prima volta si vota per la Duma anche in Crimea, con 4 rappresentanti del territorio. Inoltre, si torna al sistema proporzionale (già in funzione nel 1993, 1995, 1999 e 2003), con 225 posti per i candidati di partiti delle liste federali in ciascuno dei distretti elettorali, e con uno sbarramento che scende dal 7 a 5%, mentre altri 225 candidati verranno eletti in collegi uninominali.

Se fosse rimasto lo sbarramento al 7%, il risultato sarebbe stato più prevedibile: sarebbero infatti entrati in Parlamento i 4 “elefanti”, i partiti che sono già nella Duma, ovvero Russia Unita (il partito di Putin), Partito comunista, Partito liberal-democratico e Russia Giusta. Abbassando le barriere, si potrebbe invece sperare nell'entrata di qualche altro partito.

Se vuoi leggerlo tutto, acquista il numero in pdf per soli 3 euro.

Su questo argomento, leggi anche

Scrivi il tuo commento
@

La voce
dei Lettori

Eastwest risponderà ogni settimana ai commenti sui social e alle domande inviate dai lettori. Potete far pervenire la vostra domanda usando il tasto qui sotto. Per essere pubblicati, i contributi devono essere firmati con nome, cognome e città. Invia la tua domanda a eastwest

GUALA