La lezione delle primarie statunitensi

Chi si insedierà alla Casa Bianca riunirà il Paese o lo traghetterà verso un depotenziamento...

Lo scenario più temuto alla vigilia delle elezioni statunitensi si è avverato. Ha prevalso la dialettica estrema, controversa, urlata e nazionalista di Donald Trump, che ha portato Hillary Clinton sul suo stesso piano al fine di garantirsi il voto degli indecisi. Ma non è affatto detto che urlare possa bastare al prossimo inquilino della Casa Bianca, che si troverà di fronte a un’America divisa, disomogenea e sempre più debole sul fronte internazionale.

Law and Order, oltre a essere una nota serie tv, è stato anche il leitmotiv della convention del Grand Old Party (GOP), il partito repubblicano, riunitosi a Cleveland nella seconda metà di luglio. La strage di Dallas e l’assalto di Baton Rouge erano ancora nelle menti dei partecipanti, e degli americani, che vivono questa sempre più pericolosa lotta contro le forze di polizia in modo contrastante. C’è chi accusa la polizia di aver creato questo clima di odio razziale, c’è chi è convinto che la crisi di valori abbia portato alla delegittimazione delle forze dell’ordine. I primi, come il movimento Black Lives Matter, vorrebbe una presa di posizione netta da parte delle istituzioni contro i (troppi) poliziotti che hanno il grilletto - e il manganello - facile. I secondi, come i sostenitori di Trump, vorrebbero un giro di vite più elevato sulle concessioni culturali fatte dalla società statunitense negli ultimi trent’anni. In mezzo, c’è lui, il miliardario immobiliarista newyorkese che ha sconvolto la politica americana, che cavalca i sentimenti più bassi della popolazione, cioè sgomento, rabbia, paura. E qui che nasce, dall’odio e dalla paura, quel concetto, Law and Order, che fa preoccupare l’America.

Se vuoi leggerlo tutto, acquista il numero in pdf per soli 3 euro.

 

Scrivi il tuo commento
@

Oppure usa i tuo profili social per commentare

GRAZIE

banner fest sidebarbanner fest unicredit

La voce
dei Lettori

eastwest risponderà ogni settimana ai commenti sui social e alle domande inviate dai lettori. Potete far pervenire la vostra domanda usando il tasto qui sotto. Per essere pubblicati, i contributi devono essere firmati con nome, cognome e città Invia la tua domanda ad eastwest

GUALA
GUALA