La posizione di Elisabetta II del Regno Unito è paradossale. In teoria la Regina, essendo a capo di una monarchia costituzionale, svolge un ruolo meramente formale e simbolico nella politica del Paese. Ma di fatto la cultura britannica, ossessionata dall’appartenenza di classe e dal prestigio, la colloca fermamente al vertice della piramide sociale. Sua Maestà tiene incontri settimanali con il Primo ministro sin dai tempi di Winston Churchill e non è priva di vedute politiche, benché queste vengano raramente divulgate o discusse.

Per continuare a leggere, acquista il pdf del numero.
Per abbonarti, visita la nostra pagina abbonamenti.